La legionellosi nosocomiale l esperienza di alessandria
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 22

LA LEGIONELLOSI NOSOCOMIALE L’ESPERIENZA DI ALESSANDRIA PowerPoint PPT Presentation


  • 104 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

LA LEGIONELLOSI NOSOCOMIALE L’ESPERIENZA DI ALESSANDRIA. Grazia Lomolino Dario Pizzorno. La nostra esperienza. Come è cominciata I problemi Le soluzioni Gli scenari futuri. Andamento dei Casi. I problemi. VALUTAZIONE. Mappa Sistema Idrico (?) Andamento Cariche. Andamento UFC.

Download Presentation

LA LEGIONELLOSI NOSOCOMIALE L’ESPERIENZA DI ALESSANDRIA

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La legionellosi nosocomiale l esperienza di alessandria

LA LEGIONELLOSI NOSOCOMIALEL’ESPERIENZA DI ALESSANDRIA

Grazia Lomolino

Dario Pizzorno


La nostra esperienza

La nostra esperienza

Come è cominciata

I problemi

Le soluzioni

Gli scenari futuri


Andamento dei casi

Andamento dei Casi


I problemi

I problemi


Valutazione

VALUTAZIONE

  • Mappa Sistema Idrico (?)

  • Andamento Cariche


Andamento ufc

Andamento UFC


Andamento ufc1

Andamento UFC


Ufc blocco1

UFC Blocco1


Ufc blocco2

UFC Blocco2


Ufc cardiologia

UFC Cardiologia


Ufc geriatria

UFC Geriatria


Ufc ostetricia

UFC Ostetricia


Distribuzione degli isolati

Distribuzione % degli isolati

Distribuzione % degli isolati


Sintesi problematiche impianto idrico

SINTESI PROBLEMATICHE IMPIANTO IDRICO


Le soluzioni bonifica meccanica

Le Soluzioni (Bonifica meccanica)

A cadenza trimestrale

Bonifica meccanica dei serbatoi di accumulo:

  • Svuotamento

  • Rimozione biofilm

  • Risciacquo con ipoclorito di sodio al 10% circa


Le soluzioni shock termico

Le Soluzioni (Shock Termico)

Su richiesta della Direzione:

  • Programmazione Intervento

  • Comunicazione ai reparti

  • Innalzamento massimo T° nei serbatoi di accumulo

  • Effettuazione flushing per 30 min. con controllo T° ai rubinetti


Le soluzioni iperclorazione shock

Le soluzioni (Iperclorazione Shock)

Su richiesta della Direzione:

  • Programmazione Iperclorazione shock con concentrazioni 20-50 mg/l

  • Comunicazione ai Reparti

  • Effettuazione clorazione con protocollo

  • Titolazione cloro residuo ai rubinetti e verifica degli scostamenti

  • Ripotabilizzazione acqua

  • Titolazione cloro residuo (0,2-1 mg/l)


Le soluzioni ionizzazione

Le soluzioni (Ionizzazione)

Nel marzo 2002 viene montato il 1° Ionizzatore Cu-Ag

  • Controllo periodico legionelle

  • Titolazione colorimetrica Ioni

  • Potenziamento dell’impianto

  • Titolazione Ioni con assorbimento atomico


Quanto costato

Quanto è costato?

LABORATORIO – 70.000 €

FILTRI - 200.000 €

IONIZZATORE – 100.000 €

IMPIANTO IDRICO :

  • Rifacimento distribuzione orizzontale 900.000 €

  • Manutenzione

    100.000 €

    RUBINETTERIE-10.000 €

    RISARCIMENTO – 400.000 €


Per il prossimo futuro

Per il Prossimo futuro

  • Riduzione del ristagno dell’acqua ( nuova rete idrica orizzontale entro il 2005)

  • Aumento dell’efficacia degli shock termici(potenziamento degli scambiatori di calore)

  • Valutazione efficacia Ioni con metodi di misurazione di riferimento


Conclusioni

CONCLUSIONI

  • Primo tentativo di verifica delle pratiche di decontaminazione

  • Controversia sul valore predittivo dei risultati delle colture

  • Controversia sui metodi decontaminazione short-term e long-term

  • Cloro-T° successo nel breve periodo

  • Ruolo Ionizzatore non ancora ben determinato

  • Tasso di successo dei diversi approcci non ancora ben determinato

  • No correlazione tra cariche e andamento casi

  • Importante la componente organizzativa e di coordinamento


Grazie

GRAZIE


  • Login