Azienda ospedaliera”Spedali Civili” di Brescia
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 22

Dott.ssa V.Trebeschi PowerPoint PPT Presentation


  • 88 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Azienda ospedaliera”Spedali Civili” di Brescia Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza Direttore: dott.ssa A. Tiberti PROTOCOLLO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO 2008: bilancio di un anno. Dott.ssa V.Trebeschi. PEDIATRA. SCUOLA. ASL. NPI. FAMIGLIA.

Download Presentation

Dott.ssa V.Trebeschi

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Protocollo disturbi specifici di apprendimento bilancio anno 2008

Azienda ospedaliera”Spedali Civili” di BresciaUnità Operativa di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza Direttore: dott.ssa A. TibertiPROTOCOLLO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO2008: bilancio di un anno

Dott.ssa V.Trebeschi

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Protocollo disturbi specifici di apprendimento bilancio anno 2008

PEDIATRA

SCUOLA

ASL

NPI

FAMIGLIA

AUDIOFONIATRIA

AMICO

PRIVATO

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


I disturbi specifici d apprendimento

I DISTURBI SPECIFICI D’APPRENDIMENTO

In Italia i disturbi specifici dell’apprendimento di lettura scrittura e calcolo non secondari a deficit sensoriali, psicopatologici o neurologici interessano il 4-5% della popolazione scolastica.

Oltre che per l’alta incidenza, tali problematiche presentano una rilevanza sociale anche perché mobilitano numerose risorse umane ed economiche.

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Protocollo disturbi specifici di apprendimento bilancio anno 2008

ASL

SCUOLA

protocollo

NPI

ASL

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Diagnosi

Diagnosi

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Scheda di segnalazione sospetto alunno con dsa

Scheda di segnalazione sospetto alunno con DSA

DIAGNOSI

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Protocollo disturbi specifici di apprendimento bilancio anno 2008

SOSPETTO FONDATO

Età

Discrepanza

- Prove che indichino deficit di automatizzazione e conseguente necessità di invio

(NECESSARI I PUNTEGGI CORRELATI AI VALORI DI RIFERIMENTO)

- Esclusione di altre condizioni che potrebbero influenzare i risultati di questi test

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Consensus conference 2007

Consensus Conference 2007

  • Per fare diagnosi è necessaria un periodo adeguato di buona stimolazione didattica

    (2 anni per la letto-scrittura, 3 anni per le abilità di base del calcolo)

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Protocollo disturbi specifici di apprendimento bilancio anno 2008

Età

  • Completamento 2° anno scuola primaria: coincide con il completamento del ciclo di istruzione formale del codice scritto

  • Entro quest’età l’elevata variabilità interindividuale nei tempi di acquisizione non consente una applicazione dei valori normativi di riferimento che abbia le stesse caratteristiche di attendibilità riscontrate ad età superiori

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Criterio discrepanza

Criterio Discrepanza

  • Necessità somministrazione prove standardizzate

  • Necessità stabilire una distanza significativa dai valori medi attesi

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Le prove mt

LE PROVE MT

  • RICHIESTA DI INTERVENTO IMMEDIATO (RII): caso grave che richiede immediata considerazione da parte dell’operatore competente nel campo dei disturbi dell’apprendimento.

  • RICHIESTA DI ATTENZIONE (RA): possono essere gli stessi insegnanti a dare avvio a procedure di riflessione sul caso.

  • SUFFICIENTE (S): ampia parte di bambini che sanno leggere in maniera adeguata pur non avendo raggiunto livelli ottimali.

  • CRITERIO COMPLETAMENTE RAGGIUNTO (CCR): bambini che leggono in modo ottimale.

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Fattori di esclusione

Fattori di esclusione

  • Situazioni ambientali di svantaggio socio-culturale che possono interferire con un’adeguata istruzione

    particolare cautela andrà posta in presenza di situazioni etnico-culturali particolari, derivanti da immigrazione o adozione, nel senso di considerare attentamente il rischio sia dei falsi positivi che dei falsi negativi

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


E proprio cos difficile distinguere difficolt da disturbo d apprendimento

E’ proprio così difficile distinguere difficoltà da disturbo d’apprendimento?

“Il problema di distinguere una condizione generica di difficoltà scolastica da un disturbo specifico dell’apprendimento può essere affrontato secondo tre criteri: condizione innata, resistenza all’intervento, resistenza all’automatizzazione. “

(Tressoldi, Vio: Dislessia, vol.5, n. 2, maggio 2008)

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Disturbo difficolt

Innato

Resistente all’intervento

Resistente all’automatizzazione

Non innato

Modificabile con interventi didattici mirati

Automatizzabile anche se in tempi dilatati rispetto alla classe

Disturbo/Difficoltà

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Raccomandazioni per la pratica clinica per i dsa 2007

Raccomandazioni per la pratica clinica per i DSA (2007)

Potenziamento delle attività

didattiche personalizzate

sui bisogni

specifici dell’alunno

Insegnamento uguale per tutti gli

alunni

(2 anni per la letto-scrittura,

3 anni per le abilità di base

del calcolo)

Invio ad un servizio

specialistico per la valutazione

ed il trattamento

Resistenza al cambiamento e

sospetto

di disturbo dell’apprendimento

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Richieste sesso

Richieste - sesso

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Richieste nazionalit

Richieste - nazionalità

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Inviante

Inviante

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Periodo invio

Periodo invio

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Periodo dell invio

Periodo dell’invio

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Richieste anno 2008

Richieste anno 2008

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


Richieste con scheda

Richieste con scheda

Protocollo Disturbi Specifici di Apprendimento Bilancio anno 2008


  • Login