Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 26

Università di Friburgo Letteratura Italiana – SA 2014 (Prof . Uberto MOTTA) PowerPoint PPT Presentation


  • 99 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Università di Friburgo Letteratura Italiana – SA 2014 (Prof . Uberto MOTTA). Seminario MA di Letteratura moderna Sperimentalismo pariniano: le Rime varie ( Venerdì , MIS 2122A 8h-10h). Bibliografia pariniana : edizioni in vita dell’autore.

Download Presentation

Università di Friburgo Letteratura Italiana – SA 2014 (Prof . Uberto MOTTA)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

Università di FriburgoLetteratura Italiana – SA 2014(Prof. Uberto MOTTA)

Seminario MA di Letteratura moderna

Sperimentalismo pariniano: le Rime varie

(Venerdì, MIS 2122A 8h-10h)


Bibliografia pariniana edizioni in vita dell autore

Bibliografiapariniana: edizioni in vitadell’autore

  • 1752, Alcune poesie di RipanoEupilino(Ripano: anagramma del cognome, Parino; Eupilino dal nome latino, Eupili, del lago di Pusiano, presso cui era nato);

  • 1763, Il Mattino; 1765, IlMezzogiorno (le prime due parti del Giorno);

  • [1780, Rime degli Arcadi, XIII (14 sonetti e 1 ode)]

  • 1791, le Odi, una scelta di 22 testi poetici, a cura del suo allievo Agostino Gambarelli, con il tacito assenso del maestro (1794: nuova edizione, arricchita di tre nuovi testi).


Le rime varie edizioni

Le rime varie: edizioni

  • Mazzoni 1925

    G. Parini, Tutte le opere edite ed inedite, a cura di Guido Mazzoni, Firenze, Barbera, 1925.

  • Bellorini 1929

    G. Parini, Poesie, a cura di Egidio Bellorini, Bari, Laterza, 1929.

  • Caretti 1951

    G. Parini, Poesie e prose (con appendice di poeti satirici e didascalici del Settecento), a cura di Lanfranco Caretti, Milano-Napoli, Ricciardi, 1951.

  • Zuradelli 1961

    G. Parini, Poesie minori e prose, a cura di Gianna Maria Zuradelli, Torino, UTET, 1961.


1752 alcune poesie di ripano eupilino

1752, Alcune poesie di RipanoEupilino

  • I sezione, 54 sonetti

  • II sezione [Poesiepiacevoli], 33 sonetti o sonetticaudati

  • III sezione, 3 Capitoli

  • IV sezione, 1 Pistola

  • V sezione, 3 Egloghepiscatorie


Alcune poesie di ripano ai leggitori

Alcunepoesie di Ripano… Ai leggitori

Io parrò forse troppo arrischiato mandando al Pubblico questa piccola parte delle mie Rime in tempo che, essendo ogni maniera di letteratura al suo colmo venuta, ogni leggier macchia che in un libro si trovi vien da giudiziosi uomini conosciuta e ripresa. Ma chiunque vorrà pôr mente al fine ch’io mi son proposto e alla cautela da me usata pubblicandole, credo che non potrà di soverchia arditezza o temerità ragionevolmente accusarmi. Perciocchènè sciocca pompa di comparir tra’ saggi nè vano disio di lode nèverun altro mio consimilpensiere mi ha confortato a dar fuori questo picciol libretto; ma puramente una cotal mia vaghezza, di saper dal Pubblico, siccome io penso, giusto e sincero estimator dell’opere altrui, quale io sia per riuscir nel poetico mestiere, mi ha stimolato a far ciò. Perocchè, leggendo gli amatori degli ameni studii queste Poesie, e ora per l’un capo biasimandole cortesemente, e ora per l’altro graziosamente commendandole, e le lodi o i biasimi loro pervenendomi all’orecchio, io potrò, ove gli uni all’altre sopravanzino, lo incominciato cammin tralasciare, e dare alle Muse un eterno addio, e ove al contrario questi meno soperchiati da quelle, animarmi a salir con più vigore il sacro giogo e procacciarmi qualche fronda di lauro in Parnaso. Per tal motivo io ho voluto scêrre, da’ miei poetici lavori, varii di vario argomento e di varie spezie; acciocchè, veggendoli, il Pubblico mi sappia poi dire a qual maniera di comporre io debba appigliarmi, e quale intralasciare. Voi ci troverete adunque nel presente volumetto componimenti e sacri e morali e amorosi e pastorali e pescatorii e piacevoli e satirici e di molte altre guise, i quali, ove di poco valor fossero, colla loro varietà almeno sarannovi di noia minore. La qual noia medesima io mi sono studiato a mio poter di tôr via, con lo scêrre sì poco numero di componimenti, non volendo colla moltitudine de’ miei pessimi versi il secolo nostro incomodare. Senzachè io non sento poi così bassamente di me medesimo, che non confidi poterci essere in questo libro parecchi lavori che, qual colla limatezza, alcuno colla novità, tale coll’evidenza, e tal altro col particolare e nuovo suo gusto, in vece di noia, diletto vi porgeranno. Il che quantunque sia per negarmisi da certi matti abbaiatori che o per astio o per altra cotal loro passione vorranno che io non ci abbia nulla di buono; spero che voi, onesti e discreti lettori, confesserete esser vero, siccome alla prova potete conoscer leggendo. Al quale effetto io, senza più aggiugner, vi lascio. State sani.


Alcune poesie di ripano eupilino i

Alcunepoesie di RipanoEupilino, I

Voi, che sparsi ascoltate in rozzi accenti R.v.f. I 1, «Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono»

i pregi eccelsi della Donna mia,

non istupite, se tra questi fia

cosa ch'avanzi 'l creder delle genti; R. v. f. XXXV 6, «dal manifesto accorger de le genti»

poichè, sebbene per laudarla i' tenti

le penne alzar per ogni alpestre via,

quel che meglio però dir si devria,

riman coperto alle terrene menti. Par. XVII 14, «che, come veggion le terrene menti»

Nèfiachi dall'esterno mio dolore,

onde in pianti mi struggo a poco a poco,

misuri la pietà dentro al suo core:

perchè, quantunque in ogni tempo e loco

far mostra i' soglia del mio grande ardore,

assai maggior, ch'i' non dispiego, è 'l foco.


Alcune poesie di ripano eupilino lxxiii

Alcunepoesie di RipanoEupilino, LXXIII

O Fortuna, Fortuna crudelaccia,

che se' fatta per mia disperazione;

Fortuna non più no, ma Fortunaccia,

ha a durare un pezzo sta canzone?

Vogliam finirla, e volger quella faccia

un poco ancora alle buone persone?

Che sì, che mi daresti roba a braccia

s'io t'avessi la ciera d'un briccone?

S'io fossi, verbigrazia, una puttana

o un castrato o una cantatrice

o un bel marmocchio, ovvero una ruffiana?

Allora sì diventerei felice:

ma perchè osservo la legge cristiana,

ognun mi scaccia, ognun mi maladice,

e son sempre infelice.

Ma vivrò, sguaiataccia, al tuo dispetto;

e se ti grappo un dì per quel ciuffetto,

te lo strappo di netto:

sicchè i ragazzi, a vederti sì bella,

t'abbian a gridar dietro: — Vella, vella.


Alcune poesie di ripano eupilino lxxxi

Alcunepoesie di RipanoEupilino, LXXXI

Voi me ne avete fatti tanti e tanti

di questi vostri attacciarcipoltroni,

che se tornate a rompermi i. . . . . . . .

vi tratterò da birbe e da furfanti.

Voi siete una tormaccia di pedanti,

che non volete intender le ragioni;

e perchè fate i saggi e i dottoroni

stimate gli altri goffi ed ignoranti.

Che c'è egli drento in que' vostri libracci,

a non volere che sien letti mai

quando voi nol volete, ignorantacci?

Il diavol, credo, che vi salti omai

su que' vostri muffati granellacci,

e vi faccia gridare: — Ahi ahiahiahi. —


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

Opere di Giuseppe Parini,pubblicate per cura di Francesco Reina,6 voll., Milano, Stamperia e FonderiadelGenioTipografico, 1801-1804.

  • 1799, morte di Parini

  • i mss, vendutiall’asta, vengonoacquistati da Francesco Reina

  • 1801-04: ed. Reina

  • 1825, morte di Reina; i mss. Vengonoacquistati da Felice Bellotti

  • 1910, CristoforoBellotti dona i mss. alla Bibl. Ambrosiana di Milano

  • 1925, ed. G. Mazzoni


L ed reina 1801 1804

L’ed. Reina 1801-1804

Meriti: lunga durata; varianti d’autore a piè pagina; la Vita, a inizio del primo volume, fonda il mito di Parini poeta civile.

Errori : accostamento arbitrario delle due redazioni del Giorno; pubblicazione delle Odi in una forma che contamina l’ed. Gambarelli del 1791, espungendone cinque e aggiungendone tre successive, raccolte da llastampa del Bernardoni, del 1795; inserimento, all’interno delle operepariniane, di testiapocrifi.

  • «Oltre alle poche poesie liriche degne di quel nobile ingegno, l’Editore ammassò scartafacci e minute; così, in vece di due schietti pubblicò cinque grossi volumi, con poca pietà verso le ceneri del Parini» (Foscolo, Lettere scritte dall’Inghilterra).

  • «Non vorrei che l’editore di Alfieri fosse un Reina» (Manzoni, Lettera a G.B. pagani, 1804).


Struttura e storia interna del giorno

Struttura e storia interna del Giorno

  • Giorno (I) = Mattino (I) 1763 +Mezzogiorno (I) 1765 + Sera (mai composta)

  • Giorno (II) = Mattino (II) + Meriggio +Vespro (incompiuto) + Notte (incompiuta) ►datazione approssimativa: 1777-1790 (più precisamente: 1784-88, con riprese tra il 1792 e il 1796)


Le odi

Le Odi

  • 1791, ed. a cura di Agostino Gambarelli (22 testi) + 4 sonetti nell’Indice

    Ecco, del mondo e meraviglia e gioco (13); Qual cagion, qual virtù, qual foco innato(43); Qual fra quest’erme, inculte, orride rupi (44); Tanta già di coturni, altero ingegno (12)

  • 1795, ed. a cura di Giuseppe Bernardoni (25 testi: Per l’inclita Nice, A Silvia, Alla Musa)

  • 1802, ed. a cura di Francesco Reina (Opere, vol. II; 20 testi, ne esclude 5 di G 1791)

  • 1975, ed. a cura di Dante Isella (25 testi)


Ambr s p 6 2 iii 4

Ambr. S.P. 6/2 III.4

  • pp. 1-162: 99 testi (per lo più sonetti), di mano di Agostino Gambarelli, poirivistidall’autorechealcuni cancella e altricorregge

  • pp. 163-170: indice dei capoversi (di mano di A. Gambarelli)

  • pp. 171-179: 4 frammenti (di mano di A. Gambarelli)

  • pp. 180-183: 4 sonettiautografi di Parini (I Silvia immortal, benché da i lidi miei; II Poi che tu riedi a vagheggiar dell’etra; III Fingi un’ara o Pittor. Viva e festosa; IV Rapì de’ versi miei picciollibretto)


Calendario venerd 8h 10h mis 2122a

CalendarioVenerdì 8h-10h, MIS 2122A

1) 19 settembre (Introduzione 1)

2) 26 settembre (Introduzione 2)

3) 3 ottobre (Introduzione 3)

10 ottobre: la lezione è sospesa (recupero il 17 ottobre, 10h-12h)

4) 17 ottobre, 8h-10h ← INIZIO DELLE PRESENTAZIONI

  • 17 ottobre, 10h-12h, MIS 3111

    21 ottobre GIORNATA DI STUDI ITALIANI (9.00-17.30)

    22 ottobre INCONTRO CON I POETI F. BUFFONI e E. ZUCCATO (18.30)

    6) 24 ottobre

    31 ottobre: Ognissanti

    7) 7 novembre

    14 novembre: la lezione è sospesa (recupero il 21 novembre, 10h-12h)

    18 novembre CONFERENZA PROF. A. CADIOLI, «La forma dell’edizione. Il testo letterario tra autore e lettore » (18.30);

    20 novembre PROIEZIONE DEL FILM-DOCUMENTARIO SU A. ZANZOTTO

    8) 21 novembre, 8h-10h

    9) 21 novembre, 10h-12h, MIS 3111

  • 28 novembre

    2 dicembre CONFERENZA DOTT. L. CARDILLI SU ANDREA ZANZOTTO

    11) 5 dicembre

    12 dicembre: la lezione è sospesa (recupero il 19 dicembre, 10h-12h)

    12) 18 dicembre, 8h-10h, MIS 10 01.04

    13) 18 dicembre, 10h-12h, MIS 10 01.04


Bibliografia testi

Bibliografia. Testi

  • G. Parini, Tutte le opere edite ed inedite, a cura di G. Mazzoni, Firenze, Barbera, 1925.

  • G. Parini, Poesie, a cura di E. Bellorini, Bari, Laterza, 1929.

  • G. Parini, Poesie e prose (con appendice di poeti satirici e didascalici del Settecento), a cura di L. Caretti, Milano-Napoli, Ricciardi, 1951.

  • G. Parini, Poesie minori e prose, a cura di G. M. Zuradelli, Torino, UTET, 1961.

  • G. Parini, Alcune poesie di RipanoEupilino, a cura di D. Isella, Milano-Parma, Fondazione Bembo-Ugo Guanda, 2006.

  • G. Parini, Le Odi, a cura di Nadia Ebani, Milano-Parma, Fondazione Pietro Bembo-Guanda Editore, 2010.

  • G. Parini, Alcune poesie di RipanoEupilino, a cura di M. C. Albonico, Pisa-Roma, Serra, 2011.

  • G. Parini, Odi, a cura di M. D’Ettorre, Pisa-Roma, Serra, 2013.


Bibliografia saggi

Bibliografia. Saggi

  • R. Spongano, Il primo Parini, Bologna, Patron, 1963.

  • L. Poma, Stile e società nella formazione del Parini, Pisa, Nistri-Lischi, 1967.

  • M. Tizi, La lingua del «Giorno» e altri studi, Lucca, PaciniFazzi, 1997.

  • L’amabil rito. Società e cultura nella Milano del Parini, Atti del Convegno (8-10 novembre e 14-16 dicembre 1999), 2 voll., Milano, Cisalpino, 2000.

  • Le buone dottrine e le buone lettere, Atti del Convegno (17-19 novembre 1999), a cura di B. Martinelli, C. Annoni e G. Langella, Milano, Vita e Pensiero, 2001.

  • Rileggendo Giuseppe Parini. Storia e testi, Atti del Convegno (10-12 maggio 2010), a cura di M. Ballarini e P. Bartesaghi, Milano, Biblioteca Ambrosiana, 2011.


Ambr s p 6 2 iii 41

Ambr. S.P. 6/2 III.4

  • pp. 1-162: 99 testi (per lo più sonetti: 84), di mano di Agostino Gambarelli, poirivistidall’autorechealcuni cancella e altricorregge

  • pp. 163-170: indice per metro dei capoversi (di mano di A. Gambarelli)

  • pp. 171-179: 4 frammenti (di mano di A. Gambarelli: parte integrantedelprogettooriginario)

  • pp. 180-183: 4 sonettiautografi di Parini (I Silvia immortal, benché da i lidi miei; II Poi che tu riedi a vagheggiar dell’etra; III Fingi un’ara o Pittor. Viva e festosa; IV Rapì de’ versi miei picciollibretto)

    «Un quaderno che raccoglie le cose migliori scritte dal Parini, traendole dallo stesso RipanoEupilino, dalle Rime per gli Arcadi, dai componimenti recitati ai Trasformati, dagli innumerevoli fogli volanti o dalle raccolte per matrimonio, monacazioni, nascite… […]. Il III 4 non è stato allestito dopo la pubblicazione delle Odi ma è stato pensato in funzione di quel progetto editoriale. […] Trattasi cioè di una silloge ricapitolativa di tutta l’attività lirica del Parini, intermedia tra lo stile elevato delle Odi e lo stile basso delle rime facete» (Bartesaghi 2011).


Ambr s p 6 2 iii 4 descrizione completa in gestens

Ambr. S.P. 6/2 III.4 descrizione completa in Gestens

p. 1 (1. sonetto), Scende il poter dal tuo divino aspetto [1789] < Ardono, il credi, al tuo divino aspetto / Mazzoni 379; Bellorini II, 275 ; Caretti 393; Zuradelli II, 137 (approvato con correzioni);

p. 2 (2. sonetto), Scorre Cesare il mondo, e tutto ei splende [1784] / Mazzoni 392; Bellorini II, 268; Caretti 387 (approvato);

p. 3 (3. sonetto), Teseo, Osiri, Giason, Bacco ed Alcide [1784] / Mazzoni 393; Bellorini II, 269 ; Caretti 388 (approvato);

p. 4 (4. sonetto), Allor che in terra ebbe soggiorno Astrea / Mazzoni 393; Bellorini II, 269 [cancellato];

p. 5 (5. sonetto), Alto germe d'eroi, cui diè natura / Mazzoni 394; Bellorini II, 270 [cancellato];


Traccia per il lavoro

Traccia per il lavoro

Sui singoli testi

  • Schema metrico

  • Analisi lessicale

  • Tradizione mss. e a stampa

  • Varianti

  • Intertestualità

  • Analisi stilistica

  • Riferimenti storici e mitologici

  • Contenuto

Sull’insiemedellaraccolta

Verifica e approfondimento di questaipotesi:

«Dopo l’avviosolenne con i sonetticelebrativi, ufficialiedencomiastici, il quaderno si conclude con un finale da elegia, per unamiscellanea la cuicifraessenziale è data dallosperimentalismo linguistico e dall’articolazionedinamica delle diverse sezionichelocompongono, con scelteimprontate alla varietà delle prospettive e dei toni: saggioesemplare di pluridiscorsività, divaricatoprofondamenterispetto al monolinguismo di fondodel libro delle Odi» (Bartesaghi2011, p. 192).


Calendario delle presentazioni

Calendario delle presentazioni

17 ottobre (11-20)

17 ottobre, 10h-12h, MIS 3111 (21-30)

24 ottobre (31-40)

7 novembre (41-50)

21 novembre (51-60)

21 novembre, 10h-12h, MIS 3111 (61-70)

28 novembre (71-80)

5 dicembre (81-90)

18 dicembre (91-99)

18 dicembre (4 frammenti+4 sonetti)


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

p. 1 (1. sonetto), Scenda il poter dal tuo divino aspetto [1789]< Ardono, il credi, al tuo divino aspetto / Mazzoni 379; Bellorini II, 275 ; Caretti 393; Zuradelli II, 137

Schema metrico

sonetto, con rime ABAB BABA CDC DCD (la rima aspetto 1 : petto 3 è ricca; mentre ali al v. 7 è in rima inclusiva con B; le rime A e C, e B e D condividono la vocale tonica, mentre C e D possiedono le medesime vocali, ma invertite)

Note lessicali

Tradizione mss. e a stampa

Manoscritti

Ambr. II.1 (aut.), III.3 (con titolo Per l’Arciduchessa Beatrice, che disse che tutte le altre donne aveano l’amante, e ch’ella sola non avea alcuno che le dicesse amorose parole), III.4, III.5, III.6, III.8 (Gambarelli)

Milano, BNBr, cod. Morbio (Mor) 17

Stampe

“Giornale poetico”, Venezia, Marcuzzi, 1789 (GP89)


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

Varianti

v. 1 Ardono, il credi, al tuo divino aspetto, / Alma sposa di Giove, anco i mortali] Scende il poter del tuo divino aspetto, / Alma sposa di Giove, anco ai mortali (corretto da Parini in Ambr. III.4)

v. 1 il credi] il giuro Ambr. III.1, III.5, III.6, Mor e GP89 (in Ambr. III.8 “il giuro” è cancellato e corretto in “il credi”)

v. 2 anco] anche Ambr. III.1

v. 3 da le] dalle Ambr. III.3; da le bianche] dall’eburnee Ambr. III.1 e GP89

v. 4 E da i grandi… partono] E da’ begli occhi tuoi parton gli Ambr. III.1

v. 5 oserien ] oserianoAmbr. III.1

v. 6 fuor dimostrando] di fuor mostrando Ambr. III.3; Fuori dimostrando il lor] Manifestando il mal Ambr. III.1

v. 7 Se al fervido desire] Se a fervidi lor voti Ambr. III.1

v. 8 Non troncasser] Non tarpasse Ambr. III.1

v. 10 contenere] trattenere Ambr. III.1 e III.3

v. 11 rota ]ruota Ambr. III.1 e III.3

v. 12 Ma, se] Che, se Ambr. III.3; Ma, se… audace] Ma se il suo caso affrena ogn’alma audace Ambr. III.1


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

Intertestualità

v. 1, divino aspetto: Par. 28,104 (poi in Tebaldeo, Colonna, Stampa, Guarini)

v. 2, alma sposa: Il Giorno, La Notte v. 27; mortali come aggettivo sostantivato è già di Dante, a fine verso (spesso in rima con ali) in Purg. 2,41 e 27,116, Par. 2,53, 11,1, 15,79 fino a 33,11

v. 3, bianche braccia: frequente in Cesarotti, Poesie di Ossian (1763); bel petto: Rvf 66,29 e 172,4 (poi tra XV e XVI secolo, specie in sede lirica)

v. 4 grandi occhi: Tasso, Mondo creato 5,1527 (poi in Foscolo)

la rima mortali : strali : ali in Par. 2,53-57 (mortali : strali in Rvf 86,2-3)

v. 6, fuor mostrando in Alamanni, Coltivazione, 5,4; celati affetti in Tasso, Rime, 100,37

v. 7, fervido desire in Tasso, Rime, 1212,11, e Marino, Adone, 10,33 (fervido desio in Tebaldeo e Colonna); il volo e l’ale in Angelo Di Costanzo 10,6.

vv. 7-8, cfr. Inf. 3,126, sì che la tema si volve in disio


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

vv. 9-11, la ruota di Issione in Bembo, Asolani, 2,26; Ariosto, Satire 2,7-8; Tasso, Mondo creato 1,153 e 4,663; Adone, 9,72

vv. 9-10, violenta fiamma in Cesarotti, Ossian, 1.2,244

v. 10, non seppe + infinito in Purg. 4,72 e Rvf 103,1 e 305,2; ma non seppe contener in Adone, 13,210; or giace a fine verso in Tasso GL, 10,47 e rime (a inizio verso in RipanoEupilino 19,12)

v. 11, altrui spaventa a fine verso in Tasso, Torrismondo, 5.1,154 e Adone, 14,126 e 16,151 (voti altrui in Metastasio)

v. 13, pregi tuoi: Guarini, Marino e sptt. Metastasio (es. Demetrio, 1.1,18-19: “I pregi tuoi / non conosce…”); non senta in Rvf e nella lirica 400-500 ma non a fine verso

v. 14, alma gentil da Dante VN (Piangete, amanti, v. 13) e Rvf 146,2 fino a tutta la lirica del 500; cfr. Alamanni, Coltivazione, 5,969 (La vostra alma beltà riguarda, e tace); riposa e tace a fine v. in Della Casa Rime, 46,56


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

Analisi stilistica

vv.1-2 e 3-4, posposizione del soggetto

vv.5-8, periodo ipotetico di II grado o della possibilità (apodosi 5-6 + protasi 7-8)

vv.12-14, periodo ipotetico di I grado o della realtà (protasi 12 + apodosi 13-14); v. 12, doppia negazione Non è… non senta

vv.2 e 14: equivoco generato dall’anafora di alma a 2 con il significato di nobile, a 14 con il significato di anima, allo scopo di saldare insieme la donna e i suoi ammiratori

Riferimenti storici e mitologici

Beatrice d’Este: Maria Beatrice Ricciarda d’Este, 1750-1829, duchessa di Massa e principessa di Carrara; 1771, nozze a Milano con l’Arciduca Ferdinando d’Asburgo figlio di Maria Teresa d’Austria (per le quali Parini compone l’opera teatrale Ascanio in Alba e l’ode Il piacere e la virtù), di lì in vanti governatore di Milano dove la coppia avrebbe risieduto

Giove (v. 2): marito di Giunone, riferito a Ferdinando II

Issione (v. 9-11): mitico re della Tessaglia; per avere violato (o tentato di violare) Era (Giunone), fu punito (o fatto punire) da Zeus (Giove), e venne legato con serpi a una ruota di fuoco in perpetuo movimento.


Universit di friburgo letteratura italiana sa 2014 prof uberto motta

Contenuto

Nella prima quartina della bellezza di Maria Beatrice si indicano prima gli effetti (vv.1-2) e poi gli ingredienti (vv.2-3) [la correzione introdotta da Parini in III.4 serve a smorzare la forza e la concretezza di Ardono, di evidente fisicità enfatizzata dall’accento in prima sede]. Il catalogo degli attributi della donna è legato ai topici strali che si dipartono, oltre che dagli occhi, anche dalle braccia e dal petto (vale l’esempio di Giunone, evocato obliquamente al v. 2). Ma il desiderio e l’affetto che la donna innesca conviene che siano tenuti nascosti, per rispetto e per paura (vv. 5-8). A ciò induce il caso emblematico di Issione, che, per non aver saputo controllare le fiamme della passione (per Giunone), ora è punito (da Giove) su una ruota infuocata (vv. 9-11). Ma se tale esempio frena e scoraggia l’audacia degli ammiratori, tuttavia le tue virtù sono ben note a ogni gentiluomo, che silenziosamente adora.


  • Login