CAPITOLO 4_d
Download
1 / 15

CAPITOLO 4_d - PowerPoint PPT Presentation


  • 129 Views
  • Uploaded on

CAPITOLO 4_d. La Valutazione Secondaria. Laboratorio Analisi e Sviluppo “FORMAZIONE SOCCORRITORI ” - 2012. OBIETTIVI. DEFINIRE LO SCOPO DELLA VALUTAZIONE SECONDARIA. ACQUISIRE LO SCHEMA DI COMPORTA- MENTO PER LA VALUTAZIONE SECONDARIA. LA VALUTAZIONE SECONDARIA.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' CAPITOLO 4_d' - boyce


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

CAPITOLO 4_d

La ValutazioneSecondaria

LaboratorioAnalisi e Sviluppo “FORMAZIONE SOCCORRITORI” - 2012


OBIETTIVI

  • DEFINIRE LO SCOPO DELLA VALUTAZIONE SECONDARIA

  • ACQUISIRE LO SCHEMA DI COMPORTA- MENTO PER LA VALUTAZIONE SECONDARIA


LA VALUTAZIONE SECONDARIA

Ha lo scopo di evidenziare segni e sintomi da comunicare alla COEU per favorire la scelta (e il conseguente allertamento) dell’ospedale adeguato

Si effettua successivamente alla valutazione/assistenza primaria

Deve essere breve (pochi minuti), standardizzata, schematica

Non deve mai ritardare il trasporto del paziente in condizioni critiche

Può essere eseguita anche durante il trasporto in ambulanza, su indicazione della COEU/SOREU


In qualunque fase si riscontri un problema imprevisto o se il paziente varia le proprie condizioni, il soccorritore deve ritornare ad effettuare la valutazione primaria seguita dall’eventuale assistenza mirata


LA VALUTAZIONE SECONDARIA

MANTENERE L’OSSERVAZIONE CONTINUA ED ATTENTA DI:

LIVELLO DI COSCIENZA

COMPORTAMENTO

DOLORE

PARAMETRI VITALI


ESAME TESTA PIEDI

OSSERVA

SENTI

PALPA


ESAME TESTA PIEDI

TESTA

SCALPO: ferite – gonfiori - depressioni

ORECCHIE: traumi – otorrea – ematoma mastoideo

NASO: edema – deformità - rinorrea


ESAME TESTA PIEDI

TESTA

OCCHI: trauma – edema - ematomi

MANDIBOLA: mobilità

BOCCA: avulsioni dentarie – sangue - vomito


ESAME TESTA PIEDI

COLLO

OSSERVARE:

PRESENZA STOMIE

FERITE APERTE: medicare subito

PALPARE:

DEFORMITA’

VALUTAZIONE CONTINUA DEL DOLORE


ESAME TESTA PIEDI

TORACE

OSSERVARE:

SIMMETRIA RESPIRATORIA

EMATOMI

FERITE

SENTIRE:

ASPIRAZIONE dell’ARIA

PALPARE:

STABILITA’ della GABBIA TORACICA

ENFISEMA SOTTOCUTANEO


ESAME TESTA PIEDI

ADDOME

OSSERVARE:

FERITE PENETRANTI

EMATOMI

PALPARE:

CONSISTENZA (duro o molle)

VALUTAZIONE CONTINUA DEL DOLORE


ESAME TESTA PIEDI

ARTI

OSSERVARE:

EMATOMI – FERITE COLORITO e TEMPERATURA CUTE

DEFORMAZIONI

MOTILITA’ e SENSIBILITA’ NON NORMALE

SENTIRE:

RUMORI OSSEI

PALPARE:

CREPITII

POLSI PERIFERICI


VALUTAZIONE SECONDARIA

Durante la valutazione secondaria confermarela dinamica del trauma

e raccogliere una breve Anamnesi

A : allergie

M : medicamenti

P : patologie precedenti

I : ingestione alimenti

A : altro correlato all’evento


CONCLUSIONI

La valutazione secondaria consente la ricerca di lesioni specifiche in pazienti stabili favorendo la COEU/SOREU nella scelta dell’ospedale adeguato


ad