slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Rossella Garuti 12 settembre 2011

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 38

Rossella Garuti 12 settembre 2011 - PowerPoint PPT Presentation


  • 127 Views
  • Uploaded on

LA GEOMETRIA NELLE PROVE INVALSI: un’analisi verticale. Rossella Garuti 12 settembre 2011. Rossella Garuti. il piano delle rilevazioni. SNV e PN 2010-2011. II primaria. V primaria. I secondaria di primo grado. III sec. di I grado Prova Nazionale . Rossella Garuti 12 settembre 2011.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Rossella Garuti 12 settembre 2011' - bettina


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

LA GEOMETRIA NELLE PROVE INVALSI:

un’analisi verticale

Rossella Garuti 12 settembre 2011

Rossella Garuti

slide2

il piano delle rilevazioni

SNV e PN 2010-2011

II primaria

V primaria

I secondaria di primo grado

III sec. di I grado

Prova Nazionale

Rossella Garuti 12 settembre 2011

V secondaria di secondo grado

II secondaria di secondo grado

Noi siamo qui

slide3

Matematica: la struttura del Quadro di Riferimento

Quadro di riferimento

per la valutazione

Quadri di riferimento

per le valutazioni

internazionali

Quadro di riferimento

per i curricoli

Rossella Garuti 12 settembre 2011

Prassi scolastica

Esiti delle rilevazioni

precedenti

slide4

Struttura del Quadro di riferimento

AMBITI

PROCESSI

CONTENUTI OGGETTO DELLA VALUTAZIONE

Rossella Garuti 12 settembre 2011

COMPITI

slide5

Matematica: i contenuti

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide6

PROCESSI

  • Conoscere e padroneggiarecontenutispecificidella matematica (oggettimatematici, proprietà, strutture ...)
  • Conoscere e padroneggiarealgoritmi e procedure (in ambitoaritmetico, geometrico ...)
  • Saper risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica (individuare e collegare informazioni utili, confrontare strategie di risoluzione, individuare schemi, esporre il procedimento risolutivo, ...)
  • Conoscere e utilizzare diverse forme di rappresentazione e saper passare da una all\'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica, tabellare, ...)

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide7

PROCESSI

  • Riconoscere in contesto il carattere misurabile di oggetti e fenomeni e saper utilizzare strumenti (stimare una misura, individuare l’unità di misura appropriata, …)
  • Utilizzare la matematica appresa per il trattamento quantitativo dell\'informazione in ambito scientifico, tecnologico, economico e sociale (descrivere un fenomeno in termini quantitativi, interpretare una descrizione di un fenomeno con strumenti statistici o funzioni, costruire un modello ...)
  • Acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico (congetturare, verificare, giustificare, definire, generalizzare, …)
  • Saper riconoscere le forme nello spazio (riconoscere forme in diverse rappresentazioni, individuare relazioni tra forme, immagini o rappresentazioni visive, visualizzare oggetti tridimensionali a partire da una rappresentazione bidimensionale e, viceversa, rappresentare sul piano una figura solida, saper cogliere le proprietà degli oggetti e le loro relative posizioni, …).

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide8

ESEMPIO 1 SNV 2011 Classe 2 primaria

AMBITO: Spazio e figure

PROCESSO PREVALENTE :

Sapere risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica (individuare e collegare le informazioni utili, confrontare strategie di soluzione, individuare schemi risolutivi di problemi come ad esempio sequenza di operazioni, esporre il procedimento risolutivo,…)

OGGETTO DI VALUTAZIONE:

Mappe, piantine e orientamento

COMPITO: Saper riconoscere, descrivere e confrontare un percorso dato

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide9

ESEMPIO 2 SNV 2011 Classe 2 primaria

AMBITO: Spazio e figure

PROCESSO PREVALENTE :

Conoscere e padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all\'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica, ...)

OGGETTO DI VALUTAZIONE:

Figure geometriche

COMPITO: Individuare relazioni topologiche (dentro fuori)

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide10

La percentuale di risposte corrette 2011

(sul campione)

Rossella Garuti 12 settembre 2011

* Fra parentesi l’errore standard

slide11

SPAZIO E FIGURE

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide12

SPAZIO E FIGURE

In generale le domande che mettono gli allievi in difficoltà sono quelle che riguardano l’ambito SPAZIO E FIGURE e, subito dopo, quelle di RELAZIONI E FUNZIONI .

E’ una tendenza generale che trova riscontro anche nelle ricerche internazionali e in molti paesi dell’area OCSE. (dal rapporto nazionale A.S. 2010-2011 www.invalsi.it )

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide13

Quali domande sono andate peggio?

SNV 2011 Liv. 2

Rossella Garuti 12 settembre 2011

8

slide14

Quali domande sono andate peggio?

SNV 2011 Liv. 2

L’alunno deve interpretare la rappresentazione di un oggetto tridimensionale e immaginare l’evoluzione dello stesso oggetto con una variante posta.

Oltre ad immaginare la soluzione il bambino deve porre attenzione alla domanda che chiede “quanti mattoncini in più” e non “quanti mattoncini in tutto” come facilmente l’alunno potrebbe essere indotto a pensare.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

8

slide15

SNV 2011 Liv. 5

Lo studente deve saper leggere uno

strumento di misura (righello) e tener conto che in una parte della linea spezzata il righello non è posizionato sullo zero.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide16

SNV 2011 Liv. 6

L’uso degli strumenti (riga, compasso, ecc.)

per disegnare figure piane è previsto fin dalla scuola primaria. Per rispondere correttamente lo studente deve aver usato il compasso per disegnare cerchi e sapere che l’apertura del compasso corrisponde al raggio del cerchio.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide17

SNV 2011 Liv. 6

Lo studente deve cogliere che unendo i punti sulla cartina corrispondenti a Faro, Lisbona e Portoalegre si ottiene un triangolo e che quindi la distanza tra le due città sarà sicuramente minore di 370 km e maggiore di 50 km, in quanto in un triangolo un lato è sempre minore della somma degli altri due e maggiore della loro differenza.

La risposta C implica una conoscenza di natura geometrica e non semplicemente la stima di una distanza

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide18

SNV 2011 Liv. 6

180 °

Lo studente deve prima di tutto saper leggere l’ora su un orologio analogico e conoscere l’idea di angolo come rotazione

11:15

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide19

ESEMPI DALLE CLASSI

Difficoltà sia con l’angolo di rotazione sia con la lettura dell’orologio

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide20

PN 2011 Liv. 8

Lo studente deve misurare, eventualmente tracciandola, l’altezza relativa ad uno dei lati (si noti che in questo caso due delle altezze sono esterne al triangolo), e poi effettuare calcoli con numeri decimali.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide21

ESEMPI DALLE CLASSI

La risposta è corretta, l’altezza disegnata è quella interna al triangolo

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide22

ESEMPI DALLE CLASSI

Il segmento considerato NON è l’altezza del lato AB

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide23

ESEMPI DALLE CLASSI

Lo studente moltiplica I due lati AB e AC

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide24

ESEMPI DALLE CLASSI

Scatta il meccanismo “triangolo allora Pitagora”

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide25

ESEMPI DALLE CLASSI

Su 120 fascicoli analizzati (5 classi) NESSUNO disegna e considera le altezze esterne al triangolo!

Scatta il meccanismo “triangolo alloraPitagora”

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide26

PN 2010 Liv. 8

La GIUSTIFICAZIONE deve fare necessariamente riferimento (anche molto schematico) sia a “AC=BD” sia a “AC=r” (anche molto semplicemente nella forma “AC=BD=r”). Non è necessario che venga motivato che “AC=BD” perchè diagonali di un rettangolo. Non si richiede un calcolo ma conoscenze di natura geometrica

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide27

PN 2011 Liv. 8

NON è una domanda legata alla prassi didattica.

Lo studente deve collegare due rappresentazioni diverse: la rappresentazione prospettica di un oggetto tridimensionale (armadio) e la rappresentazione dall’alto (piantina dell’aula) per individuare il punto di vista

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide28

PN 2011 Liv. 8

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE come risultato di un movimento nello spazio

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide29

SNV 2011 Liv. 10

Lo studente deve applicare il teorema di Pitagora al triangolo ABC

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide30

SNV 2011 Liv. 10

Rossella Garuti 12 settembre 2011

Per rispondere lo studente deve saper trovare l’area di un poligono utilizzando l’equiscomponibilità

slide31

NODI emergenti dall’analisi delle domande di SF

  • difficoltà con gli strumenti della geometria. Compasso, righello, squadra, goniometro sono oggetti “strani”, poco praticati dagli studenti. Le costruzioni geometriche sono scomparse come le squadre e i compassi da lavagna. Forse nemmeno l’uso di software per la geometria è così diffuso!

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide32

Il laboratoriodi Matematica (Indicazioni per il Curricolo, 2007)

Tutte le discipline dell’area hanno come elemento fondamentale il laboratorio, inteso sia come luogo fisico, sia come momento in cui l’alunni è attivo, formula le proprie ipotesi e ne controlla le conseguenze, progetta e sperimenta, discute e argomenta le proprie scelte,impara a raccogliere i dati e a confrontarli con le ipotesi formulate, negozia e costruisce significati, porta a conclusioni temporanee e a nuove aperture la costruzione delle conoscenze personali e collettive.

In tutte le discipline, inclusa la matematica,si avrà cura di ricorrere ad attività pratiche e sperimentali (…) con un carattere non episodico e inserendole in percorsi di conoscenza.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

32

slide33

Laboratorio in matematica

(UMI-CIIM 2003)

L’ambiente del laboratorio di matematica è in qualche modo assimilabile a quello della bottega rinascimentale, nella quale gli apprendisti imparavano facendo e vedendo fare, comunicando fra loro e con gli esperti. La costruzione di significati, nel laboratorio di matematica, è strettamente legata, da una parte, all\'uso degli strumenti utilizzati nelle varie attività, dall\'altra, alle interazioni tra le persone che si sviluppano durante l’esercizio di tali attività

Rossella Garuti 12 settembre 2011

33

slide34

NODI emergenti dall’analisi delle domande di SF

  • difficoltà con le conoscenze di NATURA GEOMETRICA.
  • Sembra che la Geometria sia quasi esclusivamente calcolo di aree, perimetri e volumi. Gli aspetti “teorici” della geometria sono quasi assenti. Quindi gli studenti non hanno chiaro cosa fare quando si chiede di usare una conoscenza geometrica o di giustificare una risposta.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide35

NODI emergenti dall’analisi delle domande di SF

  • difficoltà nella VISUALIZZAZIONE SPAZIALE. Passare da una rappresentazione bidimensionale ad una tridimensionale è spesso uno scoglio durissimo.
  • Già dal 1979 con i programmi della scuola media si parlava di “La geometria prima rappresentazione del mondo fisico”.
  • Le prove INVALSI mettono in luce che questo aspetto della geometria deve essere curato fin dai primi anni di scuola.
  • Il “saper vedere” in geometria non è una dote “innata” va coltivata nel tempo.

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide36

NODI emergenti dall’analisi delle domande di SF

Un discorso a parte per la scuola secondaria di II grado

  • I contenuti della prova INVALSI NON erano specifici del biennio delle superiori, ma tutti inerenti a contenuti specifici del primo ciclo:
  • D3 Disuguaglianza triangolare
  • D8 Teorema di Pitagora
  • D9 caratteristiche e misure dei lati di un triangolo interno a un cubo
  • D17 Asse di simmetria di un parallelogramma
  • D18 Calcolo dell’area di un poligono tramite equiscomponibilità
  • D30 Isometrie sul piano cartesiano

Scelta dovuta al fatto che la prova era la stessa per tutti gli indirizzi e che le Indicazioni non erano ancora “operanti”

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide37

Un discorso a parte per la scuola secondaria di II grado

  • A quest’anno si prevede di individuare:
  • contenuti specifici per la geometria del biennio
  • introdurre gradatamente semplici argomentazioni e dimostrazioni

Rossella Garuti 12 settembre 2011

slide38

E per concludere….

“ So di dire cosa trita e ritrita affermando che il modo migliore di imparare la matematica [geometria compresa] è quello di farla concretamente prendendoci gusto” (G. Prodi, La matematica come scoperta, pag.3)

Rossella Garuti 12 settembre 2011

ad