giornata sull acqua teatro dei differenti di barga 26 maggio 2006
Download
Skip this Video
Download Presentation
“Giornata sull’acqua” Teatro dei Differenti di Barga 26 maggio 2006

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 49

Giornata sull acqua Teatro dei Differenti di Barga 26 maggio 2006 - PowerPoint PPT Presentation


  • 124 Views
  • Uploaded on

“Giornata sull’acqua” Teatro dei Differenti di Barga 26 maggio 2006. Dott. Silvano Gattiglio Direttore dell’AATO N°1 Toscana Nord. Cercheremo di rispondere alle domande: Che cosa è l’ acqua ? Che cosa è l’ Autorità di Ambito territoriale ?. Che cos’è l’acqua?

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Giornata sull acqua Teatro dei Differenti di Barga 26 maggio 2006' - benard


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
giornata sull acqua teatro dei differenti di barga 26 maggio 2006
“Giornata sull’acqua”

Teatro dei Differenti di Barga

26 maggio 2006

Dott. Silvano Gattiglio

Direttore dell’AATO N°1

Toscana Nord

slide2
Cercheremo di rispondere alle domande:
    • Che cosa è l’acqua?
    • Che cosa è l’Autorità di Ambito territoriale?
slide3
Che cos’è l’acqua?
  • E’ il composto chimico

maggiormente presente sulla superficie terrestre sotto forma di:

      • Oceani, mari, fiumi e ghiacciai dove il composto chimico si arricchisce di gas disciolti e sali minerali

H2O

slide5
L’acqua dolce:

Il 70% è ghiacciata nelle calotte polari

L’altro 30% di acqua non salata disponibile è perlopiù presente sottoforma di misture al suolo (fanghi, terra umida) o giace nel sottosuolo nelle falde acquifere

Infine, meno dell’1% dell’acqua disponibile nel mondo (circa lo 0,007% del totale dell’acqua nel mondo) è di pronto accesso per usi umani

slide8
Acque destinate al consumo umano (acque potabili)

Acque di sorgente

Acque minerali naturali

Acque termali

slide9
Acque destinate al consumo umano (potabili)
  • Distribuite tramite pubblici acquedotti, cisterne, bottiglie e altri contenitori
  • Requisiti di qualità basati su restrizioni relative a 56 parametri chimici (per un totale di oltre 200 composti chimici) e 6 microbiologici

Il superamento di uno solo dei parametri determina la non potabilità dell’acqua

  • Le acque di acquedotto, nella maggior parte degli impianti, sono sottoposte a disinfezione
slide10
Acque potabili “depurate”
  • Acque di acquedotto sottoposte a trattamenti definiti genericamente (e impropriamente) di depurazione, presso l’utilizzo domestico, ristoranti, comunità e mense.
  • Attenuazione dell’odore di cloro e della durezza dell’acqua ed eventuali aggiunte di anidride carbonica
  • Acqua in molti casi, ma non sempre, migliore dal punto di vista organolettico

PROBLEMI

  • Scarsità di controlli
  • Difficoltà di tenere in buona efficienza le apparecchiature
  • Inutilità di sottoporre spesso ad addolcimento acque che non lo richiedono

Acque destinate al consumo umano

slide11
Acque di sorgente
  • Acque regolate dal Decreto Lgs. 4 agosto 1999 n. 339 “Disciplina delle acque di sorgente”
  • Rigorosamente di origine sotterranea
  • Non sottoposte a disinfezione (consentiti solo alcuni trattamenti)
  • Non rilevanti variazioni nel tempo della composizione chimica e della temperatura
  • Previsto il riconoscimento del Ministero della Sanità sull’etichetta
  • Non obbligatorio riportare la composizione chimica sulle etichette
  • Non previste proprietà terapeutiche
slide12
Acque minerali naturali
  • Acqua naturale proveniente da falde non contaminate, con “caratteristiche igieniche particolari e, eventualmente, proprietà favorevoli alla salute” (D. Lgs. 339/99).
  • Assenza di disinfezione e quindi di eventuali prodotti secondari
  • Grande varietà di composizione: quantità di sali minerali da molto elevate a bassissime che le rende spesso non indicate ad un consumo potabile quotidiano (il loro uso dovrebbe essere limitato a supporto di terapie mediche, quale era in passato)
  • Componenti principali: sodio, potassio, calcio, magnesio, cloruri, solfati, bicarbonato, etc.
slide13
Acque termali
  • Particolare categoria delle acque minerali utilizzate a fini terapeutici (uso generalmente limitato nel tempo e sottoposto a controllo medico)
  • Regolate dalla normativa per le acque minerali per quanto riguarda gli aspetti microbiologici, non per quelli chimici
slide14
Una piccola esperienza: come scoprire i minerali disciolti in acqua
  • Dopo aver fatto bollire tutta l’acqua di un recipiente ciò che resta sono i sali minerali (il residuo solido). La loro quantità dipende dal tempo di permanenza dell’acqua all’interno del terreno, che può variare da alcuni giorni a molti anni in funzione delle caratteristiche del suolo e della composizione delle rocce attraversate.
slide15
Un confronto
  • Costo acqua potabile dei nostri rubinetti

0,00125 €/litro (circa)

  • Costo acqua in bottiglia

0,50 €/litro (circa)

slide17
Dal costo economico al costo ambientale
      • L’utilizzo di acqua minerale in bottiglia presenta anche un elevato impatto sull’ambiente

Vediamo perché

      • Costi relativi agli stabilimenti per il confezionamento delle bottiglie
      • Costi di trasporto per mezzo di camion
      • Costi di smaltimento

(Pensiamo che mediamente il consumo potabile annuo di tutta la popolazione italiana risulta pari a 7,75·10^9 l/anno, equivalenti a 5·10^9 bottiglie da 1,5 litri che, allineate, ricoprirebbero una distanza pari a 5 volte quella terra - luna, o 1000 volte quella Torino - Palermo)

slide19
Dalle sorgenti al rubinetto,
  • Come arriva l’acqua nelle nostre case
slide20
l’Acqua arriva nelle nostre case attraverso il lavoro dell’uomo

Secondo voi in quale modo?

Il servizio Idrico Integrato (SII)

slide22

Il Servizio Idrico Integrato

Acquedotto

(captazione e distribuzione)

Acqua

Fognatura

Depurazione

IL GESTORE

slide24
Quando nasce?
  • il 5 gennaio 1994 con la legge n°36

Disposizioni in materia di risorse idriche

Legge Galli

slide25
Cosa prevede la legge?
      • Migliorare la gestione della risorsa idrica per uso civile attraverso servizi più razionali
      • Contenere i costi dei servizi
slide26
OBBIETTIVO:

Superare la frammentazione delle gestioni precedenti

Fino al 1997 in Italia erano presenti circa 5000 gestori diversi

In Toscana erano oltre 200

slide28
La delimitazione da parte di ogni Regione in
  • Ambiti territoriali ottimali

ATO

con il fine di avere un unico gestore per ogni ambito

slide29

Autorità d’ambito territoriale ottimale

Ambito territoriale

AATO 1 →

Toscana Nord

AATO 2 →

Basso Valdarno

AATO 3 →

Medio Valdarno

AATO 4 →

Alto Valdarno

AATO 5 →

Toscana Costa

AATO 6 →

Ombrone

Regione toscana: 6 ATO

  • Secondo criteri:
    • Fisici (dove si trova la risorsa);
    • Demografici;
    • Tecnici (la situazione delle infrastrutture)
    • Ripartizioni politiche Amministrative (Province, Comuni)
slide31
Diretti dalle Autorità d’Ambito
  • Composte dai Comuni consorziati
slide32
Ricapitolando

ATO Area geografica delimitata in base ai criteri stabiliti dalla legge Galli

AATO Autorità che pianifica e controlla i servizi idrici dell’Ambito di riferimento

Gestore Colui che materialmente porta l’acqua fino alle nostre

case

slide33
Quali sono i compiti dell’Autorità d’Ambito?
  • Pianificare e organizzare il SII
  • Controllare il Gestore

“Pianificare”

  • Tutela della qualità della risorsa
  • Tutela della quantità della risorsa
  • Organizzazione del servizio al fine di fornire all’utente acqua di qualità a costi equi.
slide34
LA TUTELA DELLA QUALITA’
  • La necessità di proteggere le acque dolci
  • Dall’inquinamento batteriologico
  • Dall’inquinamento chimico
slide36
Il lavoro della Natura:

AUTODEPURAZIONE

  • Richiede tempi lunghi nei confronti dell’inquinamento battereologico
  • E’ del tutto ininfluente nei confronti dell’inquinamento chimico
slide38
LA QUANTITA’

- Mutamento dei fattori climatici a livello mondiale

- Spostamento verso nord della zona tropicale associata ad un progressivo surriscaldamento del pianeta per effetto serra

- Modifica del regime delle precipitazioni

crisi idrica 2003 (sfiorata nel 2005)

- Graduale processo di diminuzione della portata delle sorgenti (riduzioni di portata comprese fra il 20 e il 40%)

- Fenomeno della desertificazione

slide40
...Superare la frammentazione del territorio attraverso una ristrutturazione delle reti acquedottistiche

Rivedere le strategie di captazione della risorsa idrica migliorandone la tecnica

Ridurre le perdite lungo le reti

Ridurre gli sprechi (eccessivo utilizzo di acqua dolce per l’agricoltura – il 70% circa della risorsa)

Sviluppare politiche rivolte al risparmio idrico

nel nostro piccolo?

slide41

Consigli per un uso sostenibile ed ecologico dell’acqua

Consumo pro-capite pari a circa 200 l/ab·g

(200 litri corrispondono a circa 133 bottiglie da 1,5 litri)

slide42
L’acqua è un bene prezioso:

Facciamo lavorare la nostra testa: chiudiamo il rubinetto mentre puliamo i piatti, ci laviamo i denti, ci insaponiamo…

Una famiglia media di 4 persone può arrivare a risparmiare fino a 8.000 litri l’anno

slide43
Usiamo la testa: ripariamo i rubinetti se perdono

Un rubinetto che perde 30 gocce al minuto, spreca circa 200 litri d’acqua al mese e 24.000 all’anno (circa equivalente al volume di una camera da letto)

(24.000 litri -> 30 € circa)

slide44
Usiamo la testa: ogni volta che è possibile, facciamo una doccia al posto del bagno

Con una sola doccia si possono risparmiare tra 120 e 150 litri

slide45
Usiamo la testa: laviamo la frutta e la verdura in appositi contenitori

Senza usare l’acqua corrente

Ricicliamo l’acqua del contenitore usato per annaffiare le piante del giardino

slide46
Usiamo la testa: usiamo la lavatrice e la lavastoviglie a pieno carico

Una famiglia media può risparmiare tra gli 8.000 e i 11.000 litri di acqua potabile l’anno (pari a circa 10-15 €/anno)

slide47
Usiamo la testa: cerchiamo di risparmiare con lo scarico dell’acqua del water utilizzandolo nei momenti necessari
  • Possiamo istallare le cassette del WC con lo scarico differenziato o ridurre il livello dell’acqua nelle cassette regolando opportunamente il galleggiante
slide48
Inoltre verifichiamo sempre lo stato di salute dell’impianto idrico
  • Istalliamo semplici riduttori e regolatori di flusso
ad