Un cammino di accoglienza per i separati che parte da lontano
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 27

Un cammino di accoglienza per i separati che parte da lontano PowerPoint PPT Presentation


  • 63 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Un cammino di accoglienza per i separati che parte da lontano. La Chiesa ha detto:.

Download Presentation

Un cammino di accoglienza per i separati che parte da lontano

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Un cammino di accoglienza per i separati che parte da lontano


La Chiesa ha detto:

  • “L’esempio di fedeltà e di coerenza cristiana dei separati fedeli al sacramento del matrimonio assume un particolare valore di testimonianza anche per le altre famiglie. A modo suo, infatti, la condizione di separati è ancora proclamazione del valore dell’indissolubilità matrimoniale..” (liberamente tratto dal “Direttorio di Pastorale Familiare”)


  • “Questi uomini e queste donne sappiano che la Chiesa li ama, non è lontana da loro e soffre della loro solitudine. I divorziati risposati sono e rimangono suoi membri, perché hanno ricevuto il battesimo e conservano la fede cristiana”

    (S.S. Giovanni Paolo II - febbraio 1997)


Nella realtà però vediamo che:

  • Le comunità parrocchiali sono attrezzate per molti tipi di povertà, ma di fronte ad alcune “nuove povertà”, quale quella delle famiglie separate, spesso non si riesce ad intervenire


Per accogliere…

  • 1991 PAPÀ SEPARATI

  • 1996 MAMME SEPARATE

  • 1998 FAMIGLIE SEPARATE CRISTIANE

  • 2001 SEPARATI FEDELI


  • FAMIGLIE SEPARATE CRISTIANE

27 GRUPPI DI PREGHIERA IN ITALIA

  • ROMA- 11 gruppi di preghiera

  • MILANO - 5 gruppi di preghiera

  • RHO

  • MONZA

  • VENEGONO

  • TORINO

  • GENOVA

  • LODI

  • VERONA

  • TRENTO

  • PARMA

  • PIACENZA

  • CATANIA


FAMIGLIE SEPARATE CRISTIANE

Obiettivi

  • Mettere in comune la nostra esperienza, condividere la nostra strada, comune per l’origine di frattura e lacerazione, ma così intimamente personale nel carico di dolore di ognuno


  • Dare vita a gruppi di “accoglienza ed ascolto della parola di Dio” nelle diverse diocesi italiane

  • Promuovere nella società e nella cultura la pari importanza della funzione educativa di entrambi i genitori


  • Azioni per una nuova legge sulla separazione in collaborazione con il Forum delle Associazioni Familiari

  • Fare udire, portare all’interno della Chiesa, la voce, le problematiche, soprattutto la sofferenza delle famiglie separate


  • Contribuire a responsabilizzare padri e madri, a volte genitori assenteisti o possessivi, atteggiamenti entrambi contrari al principio della bigenitorialità


  • L’Associazione pone al centro l’indissolubilità del matrimonio cristiano. Ma, senza alcun giudizio sulle persone, su un piano prettamente pastorale, si propone di aiutare coloro che si trovano in difficoltà a causa della separazione


  • Il Santo Padre ha detto a proposito delle famiglie che “conoscono la prova” : “Possano trovare sulla loro strada testimoni della tenerezza di Dio”


L’ACCOGLIENZA PER NOI

  • Ascoltare facendo il vuoto dentro noi stessi immedesimandosi nei problemi della persona che si ascolta

  • non amare solamente, ma per quella persona “essere, rappresentare l’amore”


Il Forum ha fatto proprio con un documento ufficiale:

  • pari dignità e pari opportunità educante del padre e della madre

  • affidamento condiviso come norma

  • mantenimento dei minori nell'ambiente socio-culturale abituale


  • al momento della presentazione del ricorso per la separazione dovrà essere documentato lo svolgimento di un percorso preventivo, fatto dai due genitori con l’aiuto d'esperti relativo a:

  • un effettivo e concretotentativo di riconciliazione

  • presa di coscienza dei problemi che si possono creare

  • elaborazione di modalità di sostegno dei figli per superare il trauma della separazione


  • Alla domanda di separazione viene allegato un progetto educativo ed un accordo di separazione riguardante i figli minori con diritti e doveri, compiti attribuiti a ciascun genitore


  • corsia giudiziaria preferenziale per tutti i provvedimenti giudiziari che si riferiscono a casi quali:

  • violazione dell'obbligo di partecipare al mantenimento dei figli e degli accordi

  • creazione di ostacoli di qualsiasi genere nel rapporto tra i figli e l'altro genitore;

  • comportamenti che contraddicono il principio della bigenitorialità nelle decisioni rispetto ai figli ed alla loro educazione


  • atti sanzionatori (delitto contro la persona) per:

  • assenteismo

  • formulazione di false accuse strumentali in particolare false accuse di atti di libidine


  • “meccanismo di verifica“, circa la pari opportunità dei coniugi per quanto riguarda i provvedimenti relativi


COSA FA “SEPARATI FEDELI”

STATUTO

  • Separati Fedeli è un’associazione pubblica di fedeli (canoni 321-326) i cui statuti sono stati approvati da Monsignor Flavio Roberto Carraro, Vescovo di Verona


  • L’Associazione si rivolge ai fedeli sposati, uomini e donne, separati, che credono nell’indissolubilità del matrimonio-sacramento, dalla cui realtà permanente attingono la Grazia della fedeltà al coniuge ed intendono testimoniare nella vita di tutti i giorni il dono della nuzialità


  • Obiettivi

  • Aiutare i suoi membri, nel reciproco sostegno fraterno, ad approfondire la vita cristiana, il significato del sacramento del matrimonio e il senso della loro scelta di fedeltà, ad intraprendere un cammino di perdono e a vivere in piena serenità la chiamata alla santità nella propria condizione di vita


  • Grazie a questo cammino spirituale, mettersi al servizio, all’interno della comunità cristiana, di quanti vivono in prima persona la realtà della separazione, con particolare attenzione allo sviluppo della pastorale familiare


  • Essere segno di speranza nella Chiesae nella società, testimoniando con la propria vita che la fedeltà al sacramento del matrimonio è possibile anche laddove l’amore umano non è più ricambiato


  • Offrire alla Chiesa la specifica sensibilità per la realtà e le problematiche della famiglia, e in particolare della famiglia separata


  • Testimoniare che la famiglia continua ad esistere anche quando la coppia si è spezzata e non vi è più convivenza, e che continua ad esistere la coppia genitoriale “unita” dal comune amore verso i figli e dall’attenzione verso la loro educazione

  • Mettere in luce che per l’educazione e la crescita affettiva, psicologica e religiosa dei figli è importante che essi ricevano cura, affetto e insegnamento da ciascun genitore, in posizione di parità, portando entrambi i coniugi, anche dopo la separazione, a “educare insieme”


“Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare….., ho avuto sete e mi avete dato da bere …” (Mt. 25-35)

ero solo e mi avete accolto, ero triste e mi avete consolato, ero alla ricerca e mi avete dato Gesù.


  • Login