Fotografia astronomica
Download
1 / 16

Fotografia astronomica - PowerPoint PPT Presentation


  • 145 Views
  • Uploaded on

Fotografia astronomica. Nella seguente diapositiva accenniamo, oltre al materiale che ci serve, al perché: - pellicole: diapositiva o negativa, a seconda delle nostre esigenze o della destinazione dell’immagine;

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Fotografia astronomica' - asabi


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Nella seguente diapositiva accenniamo, oltre al materiale che ci serve, al perché:

- pellicole: diapositiva o negativa, a seconda delle nostre esigenze o della destinazione dell’immagine;

- macchina fotografica: digitale o tradizionale meccanica (non dipendente dalle pile);

- cavalletto: robusto e stabile;

- cavetto di scatto: per evitare di trasmettere vibrazioni al corpo macchina durante lo scatto.


Posa B che ci serve, al perché:

Indispensabile nella fotografia astronomica è

la posa B o T.

Ci permette di tenere aperto l’otturatore per il

tempo che noi riteniamo necessario al buon

esito della nostra foto.


Riflettori rifrattori
Riflettori Rifrattori che ci serve, al perché:

Le ottiche si dividono in due categorie: riflettori e rifrattori.

Le prime leggere, compatte rispetto alla focale; danno immagini

tutto sommato più che dignitose.

Le seconde più pesanti, ingombranti, ma dai risultati senz’altro

superiori.


Tempi di sicurezza per avere una fotografia con un mosso accettabile
Tempi di sicurezza per avere una che ci serve, al perché:fotografia con un mosso accettabile

24 mm 12 sec

50 mm 6 sec

105 mm 3 sec

300 mm 1 sec


Moto apparente delle stelle che ci serve, al perché:

  • E la tecnica più semplice,si tratta di una normale fotografia, ma si punta la nostra macchina fotografica verso l’alto.

  • Le foto migliori sono quelle che si ottengono puntando la nostra macchina fotografica in direzione nord e avere il centro di rotazione nella nostra foto.


Scelta di compromesso che ci serve, al perché:

per la cometa.

Ottica luminosa (f 1.8)

pellicola molto sensibile

tempi al limite del mosso.


Cavalletto stabile, MTO 1000 che ci serve, al perché:

filtro solare auto costruito (mylar) esposizione a forcella, Nikon fm2.

Il mylar è un compromesso

accettabile, unisce un prezzo

contenuto ad una qualità dignitosa e lascia passare soltanto 1/50.000

della luce visibile.



Fotografia con astroinseguitore che ci serve, al perché:Si tratta di un cavalletto motorizzato molto robusto e stabile, che compensa automaticamente la rotazione della terra con due movimenti: ascensione retta e declinazione.


Contrariamente al moto che ci serve, al perché:

apparente delle stelle è la

vegetazione in basso che

risulta mossa.

In questo caso i tempi di

esposizione variano da 7 a 11

minuti in funzione della sensibilità della pellicola, soggetto e risultati

previsti.


Nessun compromesso per questa cometa che ci serve, al perché:

Esposizione corretta, ottica diaframmata per ottenere la massima qualità

Pellicola di media sensibilità per contenere la grana


Problemi che si incontrano
Problemi che si incontrano che ci serve, al perché:

  • Il vento: quando si usano lunghe focali e c’è vento il mosso è sempre in agguato,un movimento minimo del nostro sistema viene amplificato sulla pellicola.

  • IL freddo: piuttosto fastidioso per gli operatori, alla nostra latitudine da pochi problemi alle attrezzature.

  • Il mosso accidentale: buio,vestiti ingombranti (freddo) e il sonno qualche volta rovinano una serata di inseguimento,basta urtare una gamba del nostro cavalletto o inciampare nel filo dell’alimentazione.

  • L’inquinamento luminoso: questo è uno dei problemi maggiori, è sempre più difficile trovare siti incontaminati. Possiamo fare osservazione anche in città, ma la fotografia vuole il buio.


ad