La mobilit nello spazio linguistico
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 15

La mobilità nello spazio linguistico PowerPoint PPT Presentation


  • 67 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

La mobilità nello spazio linguistico.

Download Presentation

La mobilità nello spazio linguistico

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La mobilit nello spazio linguistico

La mobilità nello spazio linguistico

“Una conoscenza della lingua materna sicura e ricca, che non si limiti ai bisogni comunicativi primari, elementari, ma includa un ampio repertorio lessicale, una flessibilità di usi sintattici e una capacità di passare da un registro comunicativo all’altro in modo appropriato e cioè con sensibilità all’occasionee alla concreta circostanza comunicativa, è insomma una precondizione per un paese civile che intenda restare competitivo nella contemporaneità e nel futuro prossimo.”

(dal documento Lingua italiana, scuola, sviluppo, Accademia della Crusca, 18 dicembre 2009; enfasi mia)


Lo spazio linguistico italiano

Lo spazio linguistico italiano

  • lessico

  • morfosintassi

  • testualità

  • resa fonetica/grafica

Da: Berruto 1987


Lessico

Lessico

“… ha scoperto i vaccini, gli antibiotici, la chirurgia capaci di salvare una miriade di persone all’epoca spacciate.”

(dal riassunto di un testo espositivo prodotto da uno studente di Lingue all’Università di Bergamo)


Morfosintassi

Morfosintassi

“Un rinnovato spirito della tradizione liturgica potrebbe aggredire i fedeli, ma potrebbe anche permetterglidi sentirsi più vicini a Dio.”

“Fino ad oggi resiste un movimento culturale che affondale sue radici già daglianni ‟70.”

(da due testi argomentativi prodotti da studenti dell’Università Statale di Milano; gli esempi sono riportati in Prada 2009)


La risalita del parlato

La “risalita” del parlato

“[…] uno dei fenomeni che caratterizzano quest’ultimo mezzo secolo: la ‘risalita’ del parlato, da varietà substandard […] a varietà pressoché paritaria, influente, capace di travasare nei registri più formali strutture sue tipiche.”

(Sobrero 2000)


Uno stile ibrido

Uno stile ibrido

tessuto neo- (o sub-)standard

+

lessico culto o formale (in usi impropri)

=

stile ibrido


Uno stile ibrido1

Uno stile ibrido

“Argomento di attualità, in grado di causare ‘aspri’ dibattiti e diversità di opinione è quello dei graffiti, dividendositra chi affronta il tema come un’attività che nelle sue sfaccettature è parte intrinseca e forma d’arte insiti in alcuni uomini, altresì come un imbrattare freddo e spietato di mura e beni culturali.”

(da un testo argomentativo prodotto da uno studente dell’Università Statale di Milano; esempio tratto da: Prada 2009; enfasi mia)


Una tipica situazione scolastica

Una tipica situazione scolastica

I compiti corretti ve li consegnerò giovedì

L’insegnante

  • usa abitualmente la dislocazione a sinistra quando parla con gli alunni

  • segna come errore la dislocazione a sinistra nelle produzioni scritte degli alunni


Riflettere sulla variazione

Riflettere sulla variazione

norma > qual è la struttura giusta?

uso > qual è la struttura appropriata?


Imparare a muoversi nello spazio linguistico

Imparare a muoversi nello spazio linguistico

Sviluppare la capacità di analisi degli usi della lingua nei diversi contesti.

1) I compiti corretti ve li consegnerò giovedì

2) I compiti corretti vi saranno consegnati giovedì

  • In quale contesto è più appropriato usare 1?

  • In quale contesto è più appropriato usare 2?

  • Quali differenze ci sono tra 1 e 2?


Parlare e scrivere

Quando parliamo

siamo aiutati da voce e intonazione

abbiamo il riscontro immediato e la collaborazione dell’interlocutore

possiamo fare riferimento al contesto in cui si svolge la comunicazione

Quando scriviamo

possiamo affidarci solo al segno grafico

dobbiamo immaginare la reazione del destinatario e costruire da soli il messaggio

non abbiamo appigli al contesto

Parlare e scrivere


Caratteri dello scritto

assenza di voce e intonazione

lontananza del destinatario

lontananza dal contesto

informazioni ordinate e gerarchizzate; nessi logici espliciti

esposizione comprensibile e interessante per un destinatario ideale

esplicitazione delle informazioni contestuali necessarie per comprendere il contenuto

Caratteri dello scritto


Tra parlato e scritto

Tra parlato e scritto

conferenze, discorsi politici, trasmissioni radiofoniche…

lezioni, esami, riunioni ufficiali…

sceneggiature filmiche o teatrali…

conversazioni tra amici…

parlato colloquiale

articoli di cronaca,

lettere ed

e-mail di lavoro…

saggi, articoli scientifici,

articoli di fondo…

lettere ed e-mail personali, appunti, fumetti…

chat, blog, forum, sms…

prosa informativa o argomentativa


Le forme intermedie

Le forme intermedie

Per i ragazzi le forme più familiari di scrittura sono quelle intermedie:

e-mail, chat, sms ecc.

abitudine alla trascrizione immediata dell’oralità


Diventare scrittori esperti

Diventare scrittori esperti

Imparare a pianificare il testo:

  • individuare obiettivi e destinatari

  • gerarchizzare le informazioni

  • organizzare la struttura del testo

  • scegliere le forme linguistiche adatte


  • Login