La mia macchina del tempo
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 25

La mia ‘macchina del tempo’ PowerPoint PPT Presentation


  • 63 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

La mia ‘macchina del tempo’. Cesare Barbieri Dipartimento di Astronomia Università di Padova. Scopo primario dello strumento : misurare il tempo di arrivo di ciascun fotone con una precisione migliore di 1 nanosecondo, per ore di osservazione.

Download Presentation

La mia ‘macchina del tempo’

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La mia macchina del tempo

La mia ‘macchina del tempo’

Cesare Barbieri

Dipartimento di Astronomia

Università di Padova


La mia macchina del tempo

Scopo primario dello strumento:misurare il tempo di arrivo di ciascun fotone con una precisione migliore di 1 nanosecondo, per ore di osservazione


La mia macchina del tempo

A quale scopo?Lo scopo finale è aprire una nuova ‘astronomia quantistica’ con l’Extremely Large Telescope (42m) dell’ESO

Qualcuno avrà sentito parlare del povero gattino di Schroedinger, messo in una situazione così assurda da non potersi affermare con sicurezza se sia vivo o morto, per cui dobbiamo assumere che sia e vivo e morto, uno dei tanti apparenti paradossi della meccanica quantistica.


E vivo o morto o in entrambi gli stati

E’ vivo o morto o in entrambi gli stati?

Per capirne di più, mi sono messo per così dire sulla tracce del gattino, usando come guida la luce delle stelle.

Ho costruito una nuova macchina per la misura del tempo di arrivo di ciascun fotone, che prima ho portato a Asiago e poi in uno dei posti migliori al mondo per noi astronomi, cioè la cordigliera delle Ande in Cile.


L evoluzione della macchina

L’evoluzione della macchina

2009

2008

2020?

2012?


Aqueye l occhio quantistico di asiago

Aqueye, l’occhio quantistico di Asiago

Questo prototipo ci servì per mettere a punto l’idea, verificare la tecnologia e fare delle prove vere in cielo


Come fatta la macchina

Come è fatta la macchina?

E’ abbastanza semplice, e ne do’ qualche dettaglio perché qualcuno di voi potrebbe volerne una simile per il suo telescopio.


Ottica e rivelatori di aqueye

Ottica e rivelatori di AquEye

Abbiamo adottato il concetto di dividere la pupilla in 4 sottopupille per mezzo di una piramide.

Uno dei 4 rivelatori a conteggio di fotoni. L’efficienza quantica supera il 50% nel visibile.


Elettronica controlli dati

Elettronica, controlli, dati


Asiago time and frequency unit

Asiago Time and Frequency Unit

10 MHz

Sinusoidal

10 MHz

TTL

FPGA

10 MHz to 40 MHz converter

Sinusoidal to TTL converter

SRS FS725 Rubidium Frequency Standard

40 MHz

TTL

1 PPS

CAEN VME Crate

GPS - Mini-T TrimbleDisciplined OCXO


La mia macchina del tempo

Dopo questa esperienza costruimmo uno strumento più avanzato (Iqueye, l’occhio quantistico italiano) e iniziò il vero viaggio ‘terrestre’ verso la cordigliera delle Ande, montagne fatte apposta per gli astronomi.


In vista dell osservatorio europeo

In vista dell’osservatorio europeo


Finalmente in cima

Finalmente in cima


Montiamo iqueye a ntt

Montiamo Iqueye a NTT


Iqueye e controlli

Iqueye e controlli

Nel gennaio 2009 ervamano in tanti, era la prima volta, a dicembre 2009 eravamo già due di meno, a luglio saranno in tre, e il controllo sarà tutto remoto


Tramonta il giorno

Tramonta il giorno


I nostri oggetti

i nostri oggetti


L ultima notte di dicembre 2009

L’ultima notte di dicembre 2009


Come si presentano i dati

Come si presentano i dati?

Aqueye e Iqueye sono essenzialmente fotometri ad apertura fissa (selezionabile). Quindi NON producono immagini ma lunghe stringhe di tempi di arrivo di ciascun fotone.

Queste stringhe possono essere visualizzate in vario modo, ad es. ‘binnandole’ su intervalli arbitrari, senza perdere l’informazione originaria.


Esempio la pulsar del granchio

Esempio: la pulsar del Granchio

La macchina è stata usata con gran successo nello studio della pulsar nella cosiddetta nebulosa del Granchio (Crab Nebula), che è visibile sia da Asiago che da La Silla


La pulsar crab 1

La pulsar Crab - 1

I dati dai 4 canali ‘binnati’ a 1 secondo mostrano la capacità di fare fotometria ‘convenzionale’. I segnali dai 4 canali possono essere ordinati in un’unica stringa se non serve la fotometria simultanea multicolore.


La pulsar crab 2

La pulsar Crab - 2

L’autocorrelazione e l’analisi di Fourier sui dati binnati a 1 millisecondo mostrano senz’ombra di dubbio che il segnale ha una frequenza di base e varie armoniche.

Ma con NTT era tutto più facile, vedevamo uno per uno i singoli impulsi!


Transiti di pianeti extrasolari

Transiti di pianeti extrasolari

  • Nel prossimo utilizzo a NTT, una decina di notti tra luglio e e agosto 2010, ci concentreremo soprattutto sulla osservazione a altissima risoluzione temporale di transiti di pianeti extra-solari.

  • I 4 canali ci serviranno per fotometria multicolore simultanea.


Vantaggi della macchina

Vantaggi della macchina

Ricordiamo anzitutto i vantaggi:

  • Semplicità e robustezza, non c’è alta tensione, non c’è raffreddamento, si possono osservare oggetti molto brillanti, anche il sole

  • Rivelatori con buona efficienza quantica nel visibile, e prodotti in Italia

  • Determinazione precisa dei tempi di arrivo

  • Estesissima dinamica, lo strumento è lineare su almeno 10 magnitudini.


Possiamo semplificare la macchina

Possiamo semplificare la macchina?

  • Certamente:

  • Per telescopi ‘piccoli’ bastano rivelatori piccoli (anche con accoppiamento a fibra ottica)

  • - se non si vuole la fotometria multicolore simultanea basta 1 canale (magari 2 per vedere contemporaneamente una stella di riferimento o il cielo)

  • per fotometria usuale non serve il nanosecondo, spesso ci si può accontentare del millisecondo, e se proprio si è esigenti del microsecondo, ma è ormai tecnologia usata in tanti campi e a basso costo.

  • i PC e le memorie di massa sono anche a bassissimo costo

  • Se qualcuno è interessato mi contatti pure.


  • Login