Confronto tra proemi
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 2

Confronto tra proemi PowerPoint PPT Presentation


  • 114 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Confronto tra proemi. Iliade-Odissea-Paradise lost. Leoncini Pietro e Orione Federico. ILIADE Cantami, o Diva , del Pelìde Achille l'ira funesta che infiniti addusse lutti agli Achei, molte anzi tempo all'Orco generose travolse alme d'eroi, e di cani e d'augelli orrido pasto

Download Presentation

Confronto tra proemi

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Confronto tra proemi

Confronto tra proemi

Iliade-Odissea-Paradise lost

Leoncini Pietro e Orione Federico


Confronto tra proemi

ILIADE

Cantami, o Diva, del Pelìde Achille

l'ira funesta che infiniti addusse

lutti agli Achei, molte anzi tempo all'Orco

generose travolse alme d'eroi,

e di cani e d'augelli orrido pasto

lor salme abbandonò (così di Giove

l'alto consiglio s'adempía), da quando

primamente disgiunse aspra contesa

il re de' prodi Atride e il divo Achille.

PARADISE LOST

La primiera dell'uomo inobbedienza

E della pianta proïbita il frutto,

Frutto al gusto letal, che sulla terra

La morte e tutti nostri mali addusse,

Oltre l'Eden perduto; infin che piacque

Ristorarne di nuovo ad Uom più grande

E racquistar la fortunata sede,

Canta, o musa del ciel! Tu che sui gioghi

Solitarii del Sinai e dell'Orebbe

Inspirasti il pastor al seme eletto

Primamente insegnò come dal grembo

Nacquero del caosse e cielo e terra;

O se più di Siòn t'è caro il clivo,

Caro il veloce Siloè che lambe

L'oracolo di Dio, colà t'invoco

All'animoso mio canto sostegno.

Ché su timide penne io non intendo

Spiccarmi a volo dall'aonia cima,

Ma cose rivelar che mai né verso,

Né parole disciolte ancor tentaro.

ODISSEA

Narrami, o Musa, l'uomo dall'agile mente

che a lungo andò vagando poi che cadde Troia,

la forte città, e di molte genti vide le terre

e conobbe la natura dell'anima, e molti dolori

patì nel suo cuore lungo le vie del mare,

lottando per tornare in patria coi compagni.

Ma per la loro follia (come simili a fanciulli!),

non li potè sottrarre alla morte,

poi che mangiarono i buoi del Sole, figlio del cielo,

che tolse loro il tempo del ritorno.

Questo narrami, o dea, figlia di Zeus,

e comincia di dove tu vuoi.


  • Login