i trends di incidenza in italia e negli altri paesi i problemi metodologici
Download
Skip this Video
Download Presentation
I trends di incidenza, in Italia e negli altri Paesi. I problemi metodologici

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

I trends di incidenza, in Italia e negli altri Paesi. I problemi metodologici - PowerPoint PPT Presentation


  • 101 Views
  • Uploaded on

X Riunione Scientifica Annuale dell\'Associazione Italiana Registri Tumori Reggio Emilia, 5 - 6 - 7 Aprile 2006. I trends di incidenza, in Italia e negli altri Paesi. I problemi metodologici. Paola Dalmasso 1 Registro dei Tumori Infantili del Piemonte

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' I trends di incidenza, in Italia e negli altri Paesi. I problemi metodologici' - amethyst-webster


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
i trends di incidenza in italia e negli altri paesi i problemi metodologici

X Riunione Scientifica Annuale dell\'Associazione Italiana Registri Tumori

Reggio Emilia, 5 - 6 - 7 Aprile 2006

I trends di incidenza, in Italia e negli altri Paesi. I problemi metodologici

Paola Dalmasso

1Registro dei Tumori Infantili del Piemonte

2Dip. Sanità Pubblica, Università degli Studi di Torino

slide2
Limitata conoscenza sull’eziologia dei tumori
  • Esistenza di trend temporali può segnalare possibili mutamenti nei fattori di rischio
  • Studi concentrati su leucemie e CNS
  • Risultati parzialmente contrastanti: possibili problemi metodologici
slide3

Variazione percentuale annua: Tutti i tumori

1960-98: 1.0%*

1986-01: 0.5%

1983-99: 3.1%

1973-02: 0.6%*

84-98:2.6%*

1990-99: 0.2%

1967-01:1.3%*

1985-97: 3.1%

* p<0.05

slide6

Tutte le leucemie, Ontario

Agha M, 2006.1986-01: 0.2 (-0.8; 1.3)

LLA, SEER

Gurney JG, 1996.1974-91: 1.6 (0.9; 2.3)

Liberson GL, 2000.1973-95: 0.4 (-0.3; 1.1) no Detroit

Xie J, 2003.1973-98: 1.1 (0.6;1.6)

Ries LA, 2005.1975-02: 0.9 (0.5;1.3)

1975-88: 1.8 (p<0.05); 1989-02: 0.3

slide7

LLA

Draper GJ, 1994.1953-91: 1.2 (p<0.05)

  • Mc Nally RJQ, Manchester
  • 20001980-98:3.0(p=0.02) Pre B-cell, età 1-4
  • 20011954-98: 0.7(0.2-1.1)
  • Feltbower RG, Yorkshire
  • 20011974-97: 0.2(p=0.77)

1980-97: 1.4(p=0.29) età 1-4

  • Kroll ME, 20061974-00: 0.7(0.4;1.0)
slide8

Hjalgrim LL, 2003, Paesi Nordici

  • 1982-01:0.2(-0.36; 0.80)
  • Dreifaldt AC, 2004, Svezia
  • 1960-98:5.8 (4.7; 7.0)
  • 1978-98: 0.7 (-0.5; 2.0)
slide9

Reedijk AMJ, 2005.

Jakab Z, 2002. 1984-96:1.9%*

Clavel J, 2004. 1990-99:3.0

Dalmasso P, 2005. 1977-01:1.2%*

Crocetti E, 2002. 1985-97:3.4%

Gonzalez, 2004. 1980-98:-3.7%

slide11

APC: CNS

1960-98: 1.0%*

1970-99: 2.0%*

1986-01: -1.4%

1954-98: 0.9%*

1989-01: 1.3

1973-02: 1.3%*

1967-01: 2.3%*

* p<0.05

slide12

Dati AIRT 1986-97

  • Registri con almeno 6 anni continuativi di rilevazione
  • Stratificazione per tipologia di registro: specializzato/generale
rt infantili 198 casi rr 1 072 ic95 1 027 1 118 rt 185 casi rr 0 990 ic95 0 947 1 035
RT Infantili (198 casi): RR=1.072 (IC95%: 1.027,1.118)RT (185 casi): RR=0.990 (IC95%: 0.947, 1.035)
slide14

Principali problemi metodologici

  • Rilevazione:
  • Cambiamenti nelle modalità di rilevazione (luoghi di ricerca, fonti disponibili), qualità dei dati raccolti (% DCO e conferme istologiche).
  • Cambiamenti diagnostici e nella classificazione
  • Dati di popolazione:
  • Disponibilità dati per singolo anno di età, sesso e anno di calendario (stime intercensuali)
  • Statistica:
  • Stabilità delle stime
  • Necessità di analisi di sensibilità temporali e geografiche
  • Metodi statistici: trend lineari, Poisson, Bayes
ad