slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo Aristotele

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 24

Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo Aristotele - PowerPoint PPT Presentation


  • 137 Views
  • Uploaded on

Monitoraggio ed autovalutazione. Strumenti di innovazione organizzativa responsabile per la procura di Cosenza. Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo Aristotele. Di cosa parla questa presentazione?. I presupposti Obiettivi e strumenti del caso studio Risultati

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo Aristotele ' - amable


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
Monitoraggio ed autovalutazione.Strumenti di innovazione organizzativa responsabile per la procura di Cosenza

Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo

Aristotele

di cosa parla questa presentazione
Di cosa parla questa presentazione?
  • I presupposti
  • Obiettivi e strumenti del caso studio
  • Risultati
  • Suggerimenti e politiche organizzative a breve e medio periodo
  • La procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza e l’Europa
due obiettivi
Due Obiettivi

Il governare

Elaborazione di uno strumento di AUTO-VALUTAZIONE

ad uso del personale dell’ufficio

Il conoscere

Analisi dell’organizzazione dell’ufficio e dei servizi in cui esso si articola

monitoraggio questo affascinante sconosciuto
Monitoraggio: questo affascinante sconosciuto….
  • NON è orientato alla sanzione formale
  • NON prevede attribuzione di premi o costi da parte dell’unità di governo centrale o locale (CSM, ministero, corte d’appello)
  • NON rileva soltanto la correttezza formale delle procedure
monitoraggio questo affascinante un po meno sconosciuto
Monitoraggio: questo affascinante «un po’ meno sconosciuto»…
  • È orientato a creare capacità di miglioramento
  • Deve avere un carattere condiviso – il monitoraggio deve essere PARTECIPATO
  • Rileva le prassi di lavoro, i modi di comunicare, il modo di correggere gli errori e di apprendere che caratterizzano l’ufficio
una nuova visione dell errore
Una nuova visione dell’errore
  • Il monitoraggio è uno strumento che non considera l’errore organizzativo come qualcosa da sanzionare, ma da conoscere, discutere e correggere con soluzioni CONDIVISE
l errore scopriamolo
L’errore: scopriamolo!
  • Il monitoraggio senza sanzioni formali non implica assenza di responsabilità.
  • Implica una responsabilità condivisa, ma chiaramente attribuita.
  • Apprendimento e responsabilità vanno insieme
  • Scoprire l’errore o il bisogno conoscitivo o formativo è la condizione per migliorare
  • Di qui il legame fra

MONITORAGGIO e AUTOVALUTAZIONE

l attore giudiziario chi e cosa fa
L’attore giudiziario: chi è e cosa fa?

AMBIENTE ESTERNO:

PUBBLICO, CITTADINI,

ISTITUZIONI

ATTORE (MAGISTRATO, AMMINISTRATIVO, UFFICIALE PG)

le lenti di ingrandimento per l analisi organizzativa
LE LENTI DI INGRANDIMENTO PER L’ANALISI ORGANIZZATIVA

DATI DA RILEVARE

  • Profilo professionale, esperienze di lavoro pregresse
  • Controllo e comunicazione intra-servizio; ruolo di leadership dei responsabili, routine organizzative del lavoro intra-servizio
  • Rapporti di comunicazione fra servizi; consapevolezza dei problemi/capacità di gestione degli altri servizi
  • Comunicazione pubblica; surveycustomersatisfaction; relazioni con le altre istituzioni nazionali ed internazionali

4 LIVELLI DI ANALISI

  • Individuo
  • Servizio nel quale lavora (Re.Ge, Dibattimento, Monocratico, Esecuzioni)
  • Ufficio di Procura
  • Comunità locale
strumenti di studio della procura di cosenza
Strumenti di studio della procura di Cosenza

Metodologia:

  • 1Osservazione partecipante (1 mese di permanenza presso l’ufficio)
  • 2 Questionario per rilevare:

profilo professionale;

competenze;

compiti assegnati formalmente e compiti svolti di fatto; organizzazione del lavoro

i risultati 1 il personale amministrativo
I risultati 1: il personale amministrativo
  • Bisogno di aumentare la riflessione e la consapevolezza del «sistema ufficio»: cosa fanno gli altri colleghi, quali i loro problemi, come li risolvono, e soprattutto IMPATTO SISTEMICO DI QUEL CHE SI FA INDIVIDUALMENTE
  • Necessità di governare e valorizzare le capacità di supplire a carenze di organico. Presenza di personale in grado di essere attivo e di fatto attivo anche in ruoli diversi da quelli assegnati formalmente
risultati 1 i magistrati
Risultati 1: i magistrati
  • Necessità di aumentare la visione sistemica dell’ufficio
  • Necessità di razionalizzare le risorse a disposizione del magistrato e della sua segreteria
  • Bisogno di formazione gestionale
  • Introduzione di una prospettiva comparata dei sistemi giudiziari
risultati 2 i servizi
Risultati 2: i servizi
  • Per gli apicali con seniority: padronanza delle dinamiche comportamentali e della autorevolezza rimarcata soprattutto attraverso l\'azione di motivazione e di costruzione della fiducia e della lealtà.
  • Necessità di valorizzare le capacità di gestione del personale in posizione subordinata, ma eventualmente con uguale grado di seniority (anzianità di servizio).
  • Assoluto bisogno di predisporre meccanismi di passaggio di trasmissione delle conoscenze dai senior all’ufficio di cui sono responsabili.
risultati 2 i servizi e l ufficio di procura
Risultati 2: i servizi e l’ufficio di procura
  • Bassa trasferibilità delle conoscenze dei responsabili dei servizi.
  • Necessità di aumentare la consapevolezza della sostenibilità temporale dell’organizzazione («dopo di me cosa accade?»)
  • Necessità di razionalizzare i momenti di socialità, necessari alla coesione organizzativa
risultati 3 la procura e l ambiente esterno
Risultati 3: la procura e l’ambiente esterno
  • Eccesiva permeabilità degli uffici
  • Necessità di aumentare l’isolamento della procura nei confronti dell’ambiente esterno
  • Necessità di aumentare la conoscenza della percezione che gli utenti hanno del servizio
politiche intervento 1
Politiche intervento 1

L\'INTERAZIONE CON L\'AMBIENTE ESTERNO.

Sportello di front-desk

Sub: consigliabile che sia posto anche un questionario anonimo di rilevazione della soddisfazione e del gradimento dell\'utenza, sia generica che qualificata.

politiche di intervento 2
Politiche di intervento 2
  • Informatizzazione

Occorre un progetto condiviso di formazione e mise en oeuvre della informatizzazione

Rilevazione di chi fa cosa con il PC e con quali risultati.

politiche di intervento 3
Politiche di intervento 3

INTERAZIONE FRA LE DIVERSE UNITA\' ORGANIZZATIVE.

  • Un appuntamento annuale in cui in una sessione plenaria i responsabili di servizio presentano le prassi di gestione e le criticità nonché le loro prospettive di miglioramento. L\'obiettivo è quello di migliorare la macchina dei servizi posti “al servizio dei pubblici ministeri”.
  • Turnazione del personale.
politiche di intervento 4
Politiche di intervento 4

LA SOSTENIBILITA\' DELL\'AMBIENTE ORGANIZZATIVO NEL MEDIO PERIODO.

  • Fund raising che trovino nei fondi regionali o nei finanziamenti esterni la possibilità di sopperire ad una carenza di personale a competenze tecniche che possa fare formazione a cascata.
  • Inserimento di una mensa.
  • Inserimento di professionalità provenienti dall\'esterno.
uno strumento di autovalutazione
Uno strumento di autovalutazione
  • L’attore situato vive in un contesto di lavoro dove esistono vincoli ed opportunità, di azione e di apprendimento.
  • L’attore situato è soggetto a meccanismi di controllo e di sanzione formale o informale
slide21

MIN MAX

Formalizzazione Formalizzazione

delle relazioni delle relazioni

Sanzioni reputazionali Sanzioni burocratiche / amministrative

slide22

Attribuzione della responsabilità meno definita

  • Maggiore partecipazione e condivisione del merito e dell’errore
  • NECESSITA’ DI INTERVENIRE CON MECCANISMI CHE GARANTISCONO COMUNQUE IL «RENDERE CONTO» DI QUEL CHE SI FA, COME LO SI FA E CON QUALI RISULTATI
  • Attribuzione della responsabilità definita formalmente, secondo regole che stabiliscono altri attori (ministero, CSM, ecc.)
  • Ognuno lavora sulla propria agenda di lavoro
  • Non esistono forme di sostituzione e compensazione intra-servizio
  • NECESSITA’ DI INTERVENIRE CON MECCANISMI CHE GARANTISCONO LA CONSAPEVOLEZZA DI CHE COSA FANNO GLI ALTRI, DEL SISTEMA

Relazioni minimamente formalizzate

Relazioni massimamente formalizzate

la procura di cosenza e l europa
LA PROCURA DI COSENZA E L’EUROPA
  • RAGIONEVOLE DURATA DEI PROCESSI
  • FORMAZIONE CONTINUA DEL PERSONALE
  • ORIENTAMENTO DEGLI UFFICI NELL’OTTICA DEL SERVIZIO AL CITTADINO
  • MINIMIZZAZIONE DELLE POROSITA’ DELL’UFFICIO PROCURA VERSO L’AMBIENTE ESTERNO
  • MONITORAGGIO DELLA QUALITà DEL MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE
  • CONTROLLO DELLA SPESA
  • CONTROLLO DEI TEMPI DI DEFINIZIONE DEI PROCEDIMENTI
  • FORMAZIONE ANCHE CON PROGETTI DI FINANZIAMENTO ESTERNO AL SETTORE GIUSTIZIA
  • RESPONSABILITA’ DELLE FIGURE APICALI NEI RAPPORTI CON L’ESTERNO
  • AUDIT DELLA QUALITA’ DELLA GESTIONE DEI SERVIZI (E NON SOLO DELL’UFFICIO)
  • BUDGET TRASPARENTE AL PUBBLICO

INDICAZIONI DEL CONSIGLIO D’EUROPA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA

PRASSI ORGANIZZATIVE LOCALI DA IMPLEMENTARE NEI SINGOLI UFFICI

cambiando si impara a cambiare
Cambiando si impara a cambiare

Un frutto deve putrefarsi per generare il seme che entra nella terra, producendo una nuova vita.

Ed è così che la natura insegna che proprio dal culmine del negativo nasce l\'inizio del positivo. Per questo la luce non potrà mai essere sconfitta dal buio

(Il libro dei mutamenti)

ad