Alice Merli 3707689
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 21

Alice Merli 3707689 Il mio viaggio più bello: Estate 2009 La Namibia ! PowerPoint PPT Presentation


  • 68 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Alice Merli 3707689 Il mio viaggio più bello: Estate 2009 La Namibia !.

Download Presentation

Alice Merli 3707689 Il mio viaggio più bello: Estate 2009 La Namibia !

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Alice Merli 3707689

Il mio viaggio più bello:

Estate 2009

La Namibia!


La Namibia è un paese dell’Africa meridionale di impareggiabile bellezza. Definita “Il giardino d’Africa” è meta di numerosi turisti. È un paese ampissimo e per questo i suoi paesaggi sono molto vari: si va dal deserto alla costa sull’oceano. Dalla metropoli a paesini sperduti.

Ho passato 20 giorni in questo splendido luogo effettuando un tour del paese e facendo qualche giorno di volontariato presso una comunità che raccoglie bambini poverissimi.

In questa presentazione parlerò principalmente attraverso immagini e visualizzazioni del percorso sulla cartina. Anche perché un viaggio così non è esprimibile in poche parole.


Giorno 1:

Partenza: Milano → Roma; Roma → Francoforte; Francoforte → Windhoek

Dopo moltissime ore di viaggio, partendo alle 14:30 da Milano e arrivando a Windhoek (Capitale della Namibia) alle 07:40, siamo scesi dall’aereo stravolti ma eccitati.


Giorno 2:

Dopo pranzo e un giro per Windhoek si parte verso sud per Rehoboth, a pochi chilometri dal tropico del capricorno. Dormiamo in dei bellissimi bangalow affacciati su un lago blu zaffiro.. Ho fatto pure il bagno, anche se da loro è inverno: bbbrrr!


Giorno 3 e 4:

Si lascia Reboth, direzione Namib Desert. La sera attorno al fuoco si mangia e si rimane incantati dalle stelle: mai viste in così grande quantità!

Poi sveglia all’alba per visitare la dune di Sossusvlei. La salita è una vera fatica!


Giorno 5 e 6:

Si riparte per Swakopmund fermandoci a Walwis Bay. Per la prima volta vedo l’oceano e, siccome i fenicotteri erano troppo lontani per le fotografie, abbiamo deciso di metterci in posa noi!


Giorno 7:

Destinazione Darmaraland, ci si ferma per vedere le otarie a Cape Cross!


Giorno 8:

Dopo la visita alle pitture rupestri di Twyfelfontein in serata si pernotta all’interno del parco nazionale Etosha.


Giorno 9:

Safari nel parco nazionale. Che emozione: elefanti, giraffe, zebre e leoni! E qualche piccolo amico, meno appariscente ma molto simpatico!


Giorno 10:

Si raggiunge il lago Otjikoto, è così bello che viene voglia di fare il bagno! E sosta per visitare il meteorite Hoba, il più grande di cui si abbia notizia, pesa 60 tonnellate.


Giorno 11:

Si entra nella “bushmanland” letteralmente “terra del boscimani” ovvero gli abitanti del bush, un tipo di bosco costituito da arbusti e cespugli. Con loro scopriamo i segreti per sopravvivere nel bush e facciamo archi e collanine.


Giorno 12 13 14 15 16:

Si arriva a Rundu. Qui almeno 80 bambini ci accolgono con molta gioia e voglia di giocare. Sono affettuosissimi, spesso orfani e senza casa. Vivono in condizioni di estrema povertà, consumano un pasto al giorno donato dalla comunità e composto da fagioli, brodo e una fetta di pane locale. Nonostante questo hanno molta voglia di vivere e imparare, dopo un giorno sapevano già dire moltissime nostre parole.


Passiamo queste giornate a giocare con loro, ad aiutare le donne a cucire manufatti da vendere in Italia, a lavare i bambini e a fare il censimento, facendoci portare da loro presso le loro famiglie.

Sono giorni di forti emozioni, gioie, pianti, solidarietà e complicità. Andiamo via con una voragine nel cuore al pensiero di lasciarli qui.


Giorno 17:

Ci dirigiamo al Waterberg Plateau Park, dominato dal grande Plateau, alto circa 1178 metri.


Giorno 18 19:

Ritorno a Windhoek e partenza per l’Italia.

Già sull’aereo si sente il mal d’Africa. Ho conosciuto i miei compagni di viaggio in un modo del tutto particolare, l’Africa è una terra bellissima e ostile, ci vuole coesione e collaborazione quindi i rapporti umani diventano speciali. Per questo oltre ai posti meravigliosi ricorderò soprattutto le splendide persone che ho incontrato.


  • Login