Diuretici
Download
1 / 27

Diuretici - PowerPoint PPT Presentation


  • 209 Views
  • Uploaded on

Diuretici Farmaci che alterano l’escrezione di sali da parte del rene causando aumento della diuresi. I diuretici interferiscono con le funzioni tubulari. FUNZIONI RENALI filtrazione glomerulare riassorbimento ed escrezione tubulari. Funzioni glomerulari. Filtrazione glomerulare

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Diuretici' - almira


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Diuretici

Farmaci che alterano l’escrezione di sali da parte del rene causando aumento della diuresi

I diuretici interferiscono con le funzioni tubulari


FUNZIONI RENALI

filtrazione glomerulare

riassorbimento ed escrezione tubulari


Funzioni glomerulari
Funzioni glomerulari

Filtrazione glomerulare

125 ml/min equivalenti a 1/100 volume liquido extracellulare

La forza di filtrazione è idrostatica, data da D p.a. tra arteriola afferente ed efferente

Cause di riduzione di filtrazione:

alterazione della permeabilità glomerulare (no terapia)

alterazione della superficie di filtrazione (no terapia)

riduzione flusso renale

Molti antiipertensivi riducono p.a. renale e filtration rate (effetti non desiderati)


Funzioni tubulari
Funzioni tubulari

  • Trasporto tubulare di sali

  • 1/100 del filtrato è eliminato con le urine; il 99% è riassorbito a livello tubulare

  • La composizione ionica finale deve essere molto simile a quella del plasma

  • Il recupero dei sali filtrati a livello glomerulare avviene per l’azione di trasportatori presenti sulla membrana apicale (luminale) delle cellule dei tubuli

  • Una parte dei sali filtrati a livello glomerulare vengono riassorbiti secondo gradiente elettro-chimico o per la presenza di canali sulla membrana delle cellule tubulari o per diffusione passiva tra gli spazi intercellulari

  • La pompa Na/K-ATPasi presente nella membrana basolaterale consente di mantenere “normale” la concentrazione di sali all’interno della cellula


  • Funzioni tubulari

  • I sali “espulsi” dalla cellula tubulare (prevalentemente NaCl) vengono riassorbiti dal sangue che scorre nei capillari renali

  • Il recupero dei sali lungo il nefrone non è omogeneo perché la distribuzione dei sistemi di trasporto non è omogenea


Funzioni tubulari

I diuretici interferiscono con i diversi meccanismi di trasporto tubulare e quindi agiscono su porzioni selettive e diverse del nefrone


Farmacologia del tubulo prossimale
Farmacologia del tubulo prossimale

Strettamente iso-osmotico; qui avviene il recupero del 75% dell’acqua filtrata

Trasporti presenti:

In membrana apicale: Scambiatore Na/H

Trasporto acidi e basi deboli (secrezione)

In membrana basolaterale: anche Na/HCO3

A causa della iso-osmoticità, aumenta la [Cl] che fluisce nelle parti finali del tubulo per via intercellulare trascinandosi il Na: mannitolo previene la concentrazione del Cl e quindi diventa natriuretico

Diuretici attivi sul tubulo prossimale:

Osmotici

Inibitori anidrasi carbonica


Farmacologia del tubulo prossimale: i diuretici osmotici

Requisiti: rapidamente filtrato, inerte, poco riassorbito

Composti: Glicerolo, isosorbide, mannitolo, urea

Altri: zucchero, mezzi di contrasto

Meccanismo d’azione: In molti testi è riportato che l’effetto diuretico è dovuto a ridotto riassorbimento di acqua nel tubulo prossimale (iso-osmotico); di conseguenza si ridurrebbe la [Na] luminale e quindi il riassorbimento di Na a valle con riduzione di osmolarità (midollare). In realtà meccanismo d’azione è oscuro Ipotesi attuale:

Il target principale sarebbe l’ansa di Henle(indicazione: grossa perdita di Mg++)

Aumento del volume plasmatico, riduzione di viscosità ematica e del rilascio di reninacausano: aumento del flusso renale e conseguente: 1- estrazione NaCl e urea; 2- washout di midollare che provoca diluizione della preurina che arriv all’ansa di Henle

Effetti emodinamici: aumento flusso renale ma no cambiamenti di filtrato glomerulare


  • Farmacologia del tubulo prossimale: i diuretici osmotici

  • USO:

  • profilassi e trattamento precoce di insufficienza renale acuta a seguito di riduzione acuta filtration rate o di alterazione acuta della permeabilità tubulare dovuta a tossici che il mannitolo diluisce (a seguito di operazioni cardivascolari o in presenza di grave ittero, severi traumi, trasfusioni emolitiche)

  • Sindrome da dialisi (riduzione troppo rapida dell’osmolarità)

  • Glaucoma

  • Edema cerebrale (no urea o mannitolo se è in atto emorragia cerebrale)

  • Inutili se presenti alterazioni della permeabilità del tubulo causata da ischemia prolungata o nefrotossicità

  • TOSSICITA’:

  • Insufficienza cardiaca

  • Mal di testa, vomito da ipoNaemia da diluizione ematica

  • IperNaemia e disidratazione se effetto diuretico è imponente

  • Glicerolo dà iperglicemia

  • Urea aggrava epatopatia (encefalopatia epatica)


Secrezione di H

Funzioni: 1) riassorbimento di bicarbonato

2) acidificazione urine

3) escrezione di anioni in combinazione con +NH4 invece di Na

1) Riassorbimento del bicarbonato

Anidrasi carbonica della membrana apicale catalizza nel lume la reazione

-HC03 → C02 + -OH → CO2+H2O con consumo H+

La reazione è spinta dall'estrusione nel lume di H+ via meccanismo 3 e dalla diffusione della CO2

A livello intracellulare c'è eccesso di -OH generato da perdita di H+ nel lume che con CO2 forma -HCO3 per azione dell'anidrasi carbonica citosolica

-HCO3 è estruso nell'interstizio da co-trasporto di 1 Na+ e 3 -HCO3 (spinto da gradiente elettrico che è negativo all'interno); l'anidrasi è citosolica

2 e 3) Acidificazione delle urine ed eliminazione di ammoniaca

Cellule del tubulo sono capaci di sintetizzare più -HCO3 di quanto ne è distrutto nel lume purchè ci sia -OH dato dall'estrusione di H+; le urine non scendono sotto pH 4 perchè il trasportatore ha un limite. Gli H+ nel lume sono tamponati con fosfati e NH3 (sintetizzata nel citoplasma e convertita a +NH4 nel lume)


Inibitori dell’anidrasi carbonica

Acetazolamide, diclorofenamide metazolamide

MECCANISMO D’AZIONEinibizione di anidrasi carbonica AC di membrana e citosolica

Producono rapido aumento [HCO3] tubulare con perdita fino al 35% dello ione filtrato a livello glomerulare (la perdita totale di ione è modesta in quanto esso è riassorbito in tratti del nefrone attraverso meccanismi che sono AC-indipendenti)

Ridotta secrezione H+ (per blocco scambio H/Na) e NH3


Inibitori dell’anidrasi carbonica

Alcalinizzazione urine (pH8) e acidosi metabolica

Modesti effetti diuretici con perdita di HCO3, Na, K, PO4

EFFETTI EMODINAMICI RENALI

L’aumento della concentrazione tubulare di soluti a livello della macula densa provoca riduzione del flusso renale e della velocità di filtrazione glomerulare (GFR)

EFFETTI SU ALTRI ORGANI

SNC: acidsosi, riduzione formazione liquor, parestesie

Uso:

Glaucoma

Epilessia

Tossicità:

da acidosi: confusione, parestesie; attenzione in pazienti con acidosi (metabolica o respiratoria) presente

Aggrava encefalopatia epatica per aumento NH3 ematica


RAMO DISCENDENTE DI HENLE

Scarso trasporto di sali ma riassorbimento di acqua via iperosmolarità midollare

RAMO ASCENDENTE HENLE

Totalmente bloccato il trasporto di acqua ma non di sali (35% del riassorbimento di Na)

Consegue caduta [Na] e [Cl] in urina e iperosmolarità in interstizio

Iperosmolarità aumenta longitudinalmente per meccanismo controcorrente: si crea corteccia isosmotica e midollare iperosmotica


Sistemi di trasporto

In membrana apicale:

NaK/2Cl (d. dell'ansa)

Canale al K (Na entra K esce)

Diffusione intercellulare per Mg e Ca perchè lume è (+) per l'escrezione di K

In membrana basolaterale:

cotrasporto KCl

Diuretici attivi: diuretici dell'ansa o ad alto tetto


  • Diuretici dell’ansa (diuretici ad alto tetto)

  • Derivati sulfonamidici: furosemide, bumetanide, torsemide, acido etacrinico

  • Giungono al target per secrezione lungo tubulo prossimale inibita da probenecid e indometacina

  • Target molecolare d'azione: cotrasportatore Na/K/2Cl del tratto ascendente dell’ansa di Henle

  • Trasportatore presente anche in altri tessuti

  • Effetti:

  • Aumenta eliminazione di NaCl (fino al 25% del filtrato)

  • Si riduce il potenziale positivo transluminale: aumento escrezione Mg e Ca (ma no ipocalcemia; utili in ipercalcemia)

  • Aumenta eliminazione potassio

  • Furosemide è anche debole inibitore di anidrasi carbonica: aumenta l’escrezione di carbonati e fosfati

  • Aumenta l’escrezione di acido urico solo in somministrazione acuta; in somministrazione cronica l’escrezione si riduce per competizione con il sistema di trasporto degli urati

  • Riduce l’ipertonicità della midollare con: 1- incapacità a concentrare l’urina in idropenia e con grossa perdita di Sali in diuresi da acqua


Diuretici dell’ansa

Effetti emodinamici:

A livello renale:

Se il volume di sangue è mantenuto: 1- aumenta il flusso renale (effetto attenuato da FANS); 2- blocco del feed-back tubulo-glomerulo per inibizione del trasporto di Sali alivello della macula densa che provoca rilascio di renina

A livello dei vasi:

Aumento della capacità delle grosse vene e riduzione del precarico

A livello dell’orecchio interno:

Alterazione dell’endolinfa causa ototossicità



  • Diuretici dell’ansa

  • Uso

  • Edema polmonare acuto (diuresi e riduzione del precarico)

  • Insufficienza renale cronica

  • Edema da sindrome nefrosica

  • Edema acuto da cirrosi (attenzione ad encefalopatia)

  • Insufficienza renale acuta (trial dose)

  • Ingestione di tossici (bromuri, ioduri, fluoruri, sostanze d’abuso)

  • Accelarare eliminazione di sostanze dopanti


  • Diuretici dell’ansa

  • Tossicità

  • Rara per lo più da squilibri elettrolitici

  • IpoNaemia: deplezione di fluidi extracellulari con ipotensione, riduzione GFR, collasso, encefalopatia (in epatopatici)

  • Alcalosi metabolica ipoKemica da eccesso di secrezione H e K

  • IpoKemia

  • IpoMagnesemia in uso cronico

  • IpoCaemia (precipita condizione)

  • Ototossicità reversibile

  • Iperuricemia: da riassorbimento prossimale per ipovolemia

  • Iperglicemia (specie con sulfaniluree)

  • Alterazioni crasi lipidica: aumentano trigliceridi e LDL, diminuiscono HDL

  • Interazioni con altri farmaci: aminoglicosidici e cisplatino (ototox); digitale (ipoK), litio (potenzia), probenecid (riduce gli effetti dei diuretici dell’ansa)


TUBULO DISTALE

Riassorbimento del 10% del Na filtrato e poco permeabile all'acqua

Sistemi di trasporto

In membrana apicale cotrasporto NaCl (d. tiazidici)

canale per Ca

In membrana basolaterale: scambiatore Na/Ca regolato da PTH

Diuretici: tiazidici


BENZOTIAZIDI (tiazidici)

Clortalidone, quinetazone, indapamide

Provocano perdita NaCl e K (da aumento vol urina)

Dotati anche di attività antiipertensiva per azione non renale

Acidi e quindi secreti attivamente in tubulo prox (blocco da probenecid)

Maggior sito d'azione molecolare: blocco cotrasporto Na Cl elettroneutro in tubulo distale

Causano perdita di K, associare risparmiatori di K

Riducono escrezione renale Ca (meccanismo? da riduzione riassorbimento Na e aumento scambio Na/Ca basolaterale?) ma aumentano quella del Mg (ipomagnesemia)


BENZOTIAZIDI (tiazidici)

USO:

Ipertensione (anche da effetti su resistenze periferiche)

Insufficienza cardiaca congestizia

Nefrolitiasi da calciuria idiopatica

Diabete insipido nefrogenico

Differenze di intensità di effetti diuretici tra benzotiazidi e furosemide (diuretico dell’ansa)


Benzotiazidi

TOSSICITÀ:

In genere modesta

- Ridotta tolleranza a glucosio

- Perdita di K e H

- Iperuricemia per 1) aumento riassorbimento fluidi per aumento osmolarità in interstizio; 2) per azione diretta sul trasportatore

- Aumento 10% colesterolo e LDL (scompare a lungo termine)

- Iponatriemia (pericolosa se associata a risposta compensatoria di ADH, aumento sete)

- Attenzione: effetto diretto su arterie renali che riduce calibro e filtration rate (pericolo in insufficienza renale)

- Aggrava insufficienze renale e epatica borderline

- Smaschera ipercalcemie secondarie latenti


TUBULI COLLETTORI

Riassorbimento del 2-5% del Na filtrato

Controllo del riassorbimento di Na, acqua e della escrezione di K

Sistemi di trasporto:

In cellule intercalate:

Membrana apicale: pompa protonica

Membrana basolaterale: scambiatore HCO3/Cl

In cellule principali:

Membrana apicale: no cotrasporto di Na ma canali per Na e K e sviluppo di ddp con lume negativo rispetto interstizio: conseguenza assorbimento intercellulare di Cl e escrezione di K: per questo motivo la quantità di Na che arriva regola quanto K si perde


TUBULI COLLETTORI

Sistema regolato da aldosterone: aumenta canale Na e Na/KATPasi: aumento riassorbimento Na e secrezione K

Passaggio di acqua attraverso canali specifici regolato da ADH: via inserzione di canali da vescicole intracellulari: viene riassorbita acqua e urina diventa ipertonica; in assenza di ADH i collettori sono impermeabili ad acqua, il riassorbimento di sali continua e l'urina diventa iposmotica

Diuretici: risparmiatori di potassio:

amiloride e analoghi

antagonisti di aldosterone e ADH


Meccanismo di amiloride

Meccanismo di antagonisti aldosterone


DIURETICI RISPARMIATORI DI K

Attivi sul recettore dei mineralcorticoidi: spironolactone

Inibitori influsso Na via canale: triamterene e amiloride

Aldosterone: controlla la secrezione di K in funzione della velocità d'arrivo di Na nei dotti aumentando Na/KATPasi e canali Na e K (si crea potenziale (-) transluminale che aumenta secrezione K e H)

Triamterene e amiloride: Inibitori dell'influsso: azione diretta sui canali e (ad alte dosi) sul trasportatore Na/H

USO: iperaldosteronismo primario o secondario a insuff cardiaca, cirrosi, nefrosi e riduzione vol plasm

perdita di K da diuretici

TOX: iperkaliemia: pericolosa in presenza di farmaci o situazioni che riducono liberazione di renina

Acidosi metabolica ipercloremica