UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA
Download
1 / 20

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA - PowerPoint PPT Presentation


  • 130 Views
  • Uploaded on

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA , INGEGNERIA, ECONOMIA. Corso di laurea interfacoltà in Comunicazione, Innovazione, Multimedialità. LA MAGIA DEL VISUAL MERCHANDISING.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA' - alissa


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA,

SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA

Corso di laurea interfacoltà in Comunicazione, Innovazione, Multimedialità


LA MAGIA DEL VISUAL MERCHANDISING

Comunicazione persuasiva e strategie di vendita delle imprese commerciali

Tesi di Laurea di

  • Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Federica Da Milano

  • Correlatore: Chiar.mo Prof. Anton Peter Margoni

Chiara Sollami

ANNO ACCADEMICO 2010/2011


l’esperienza dentro l’esperienza

I compiti svolti in questo stage sono stati quelli di seguire passo dopo passo la progettazione dell’evento.

Abbiamo affrontato diverse riunioni per impostare uno schema di organizzazione del lavoro. Nell’ultima riunione abbiamo concordato le posizioni strategiche di ogni stand per attirare la clientela e si è discusso su ogni singolo allestimento.


LOUIS VUITTON

  • Faye McLeod

  • Standard elevati.. come?

  • Ispirazione/ Collaborazione

Faye McLeod ricava la sua energia dai viaggi, dal suo team, dalle mostre, dagli amici e dallo yoga.


Intervista alla

Dott.ssa Simonetta Ravizza

  • Prima Parte

  • Audio

  • Contenuti

  • Filmato

  • Seconda Parte


La pellicceria Annabella è

un’azienda riconosciuta

a livello mondiale fin

dalla sua nascita.

Quali strategie di mercato

avete adottato per

restare leader

nel settore?


Le vetrine dell’Atelier Annabella sono da sempre

sinonimo di eleganza e raffinatezza.

Vi avvalete della collaborazione di qualche visual merchandiser?

«No,…ritengo che debba sempre essere lo stilista o il proprietario

del negozio ad

esporre i propriprodotti

per soddisfare la propria clientela.»

1° parte


Potrebbe dirmi qual è

l’incidenza dei vostri

testimonial sui

ricavi globali

della sua

azienda?

«Non è fondamentale ma molto importante!

Il nostro grande interprete è stato Alain Delon.»

2° parte


I visual merchandiser e i loro ruoli

  • Il caso Harrods

  • Vetrinisti

  • Manager

I manager, di solito, individuano le potenzialità dei candidati visual merchandiser e

li incoraggiano a sviluppare le proprie capacità comunicative e gestionali

e le proprie attitudini.

Nel giro di alcuni anni possono essere promossi ed assumere

incarichi importanti, con maggiori responsabilità.

Il visual merchandiser Mark Briggs di Harrods, seleziona personalmente la maggior parte dei membri del suo staff. Harrods impiega un vasto team di visual merchandiser differenti per gli allestimenti di interni e per gli allestimenti vetrinistici.


  • Manichini

  • Colori

Gli strumenti creativi

del visual merchandiser

I rivenditori, ritengono lo strumento del colore sempre più efficace, in quanto permette di modificare spesso il look della vetrina assemblato ad elementi come applicazioni e tessuti.

Differenti gradazioni di un unico colore utilizzato nello stesso layout creano un impatto visivo alla clientela

di passaggio.

Esistono vari tipi di manichini, questi si possono disporre singolarmente o in gruppo.

Il manichino deve essere curato come se fosse una persona vera, intervenendo sul look, sull’acconciatura e sul trucco a seconda delle tendenze del momento.


La comunicazione persuasiva

Non si può né ingannare né obbligare, ma lo si può persuadere.

Attraverso la comunicazione persuasiva già dall’inizio dobbiamo conoscere la risposta che vogliamo

ricevere e dobbiamo portare

il nostro possibile consumatore a comportarsi come noi ci aspettiamo.

  • Come attuarla?

  • Mercato monetario finanziario

  • Lancio di un nuovo prodotto


La vendita visiva

e la vendita assistita

Due tipologie

di vendita



La produzione

dell’impresa commerciale

  • le diverse aziende commerciali

  • strategie online:

  • valutazione;

  • progettazione e realizzazione

  • (grafica semplice per colui che visita il sito web)


La disposizione sistematica

NEGLI spazi di vendita

Consente un omogenea distribuzione

della clientela in tutti i reparti del

punto vendita, creando adeguati

percorsi.

Layout

Punti focali

I punti focali vanno allestiti in base ad una programmazione studiata a

lungo termine.

Punti display

I punti display devono suscitare

l’interesse della clientela da vicino

attraverso esposizioni particolari.


Il visual merchandising

nei diversi punti vendita

  • Prodotto

  • Ma come attirare

  • l’attenzione del consumatore?

Livello occhi

Livello mani

  • Livelli espositivi

Livello testa

Livello suolo


Strumenti di comunicazione

del punto vendita

  • Pubblicità

  • Addetti alla vendita

  • Vetrine

  • Promozioni-vendite


La vetrina come strumento di comunicazione

Le vetrine tamponate non permettono la visuale dell’interno del punto di vendita ma effettuano una comunicazione semplice e completa.

Le vetrine aperte devono mostrare il punto vendita dall’esterno del negozio.

Una delle caratteristiche basilari della vetrina tamponata è avere un fondale più basso; permette due vie di comunicazione differenti, una attraverso il punto di vendita e l’altra attraverso la vetrina stessa.

Tipologie di vetrine

  • Vetrine semi-tamponate

  • Vetrine completamente aperte

  • Vetrine tamponate


Conclusioni finali

Ho analizzato in questa mia tesi la capacità del visual merchandising di contestualizzare il prodotto di vendita in settings visivi e percettivi.

Il visual merchandising è oggi il canale privilegiato di comunicazione diretta tra merce e acquirente e si inserisce all’interno di strategie di marketing che coinvolgono il processo di commercializzazione del prodotto nella sua interezza, il tutto orientato al futuro, con l’analisi delle nuove avanguardie.

Questo «spazio sensibile» all’interno del quale il consumatore-attore diviene protagonista della sua relazione con il punto vendita, il processo di acquisto, e un determinato marchio aziendale, rappresentano il nuovo «TEMPIO DEL BRAND».


Grazie a tutti

per l’attenzione


ad