Innovazione
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 22

innovazione PowerPoint PPT Presentation


  • 110 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

innovazione. Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione. La formazione specifica è oggetto di monitoraggio e revisione da parte del Ministero della Salute, per il tramite di un Osservatorio allo scopo costituito. . Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione.

Download Presentation

innovazione

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Innovazione

innovazione

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

La formazione specifica è oggetto di monitoraggio e revisione da parte del Ministero della Salute, per il tramite di un Osservatorio allo scopo costituito.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione1

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Lo scorso 23 ottobre 2013 tale Osservatorio ha licenziato un documento che dovrebbe comportare alcuni cambiamenti a livello nazionale. Ferma restando l’autonomia regionale nell’organizzazione e gestione dei corsi, il Ministero ritiene opportuno che almeno il 90% della formazione impartita nel triennio di formazione specifica in medicina generale sia uguale in tutta Italia.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione2

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

In sostanza l’Osservatorio detta le regole per la costituzione di un CORE CURRICULUM su base nazionale.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione3

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

È rilevante che venga ribadita la necessità di una preliminare formazione in medicina generale nel corso dell’Educazione Medica di Base(il corso di Laurea) per costruire un continuum formativo con la formazione specifica.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione4

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

È rilevante l’introduzione del credito formativo, teso a rendere omogenea la formazione specifica in medicina generale con la formazione universitaria.

Così le 4800 ore di formazione diventano 192 CF (corrispondendo un CF a 25 ore di attività).

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione5

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Nella proposta dell’Osservatorio la formazione specifica in medicina generale viene suddivisa in

  • 52 CF (1300 ore) di attività didattiche teoriche

  • 140 CF (3500 ore) di attività didattiche professionalizzanti.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione6

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

I 52 CF di attività didattiche teorichecorrispondono a

  • attività in aula (Lezione frontale/ Questionario/ Griglia di analisi/ Caso/ Roleplaying/ Dimostrazione, esperienza guidata, simulazione, esecuzione diretta/ Saggio, tema, descrizione, progetto

  • studio individuale(in misura non superiore al 20% del monte ore totali): autoapprendimento, approfondimento di argomenti proposti dal tutor, ricerche bibliografiche, preparazione tesi finale.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione7

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Le attività didattiche professionalizzanti corrispondono a 140 CF di cui

  • 48conseguiti presso il Tutor di medicina generale

  • 92tramite Tirocinio ed Attività presso Ospedale e Strutture Specialistiche Territoriali.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione8

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Di questi 92 crediti, 12 (pari a 300 ore) sono da destinare ad attività seminariale.

  • È evidente che si fa riferimento ad attività seminariale strettamente attinente la specifica fase formativa e rivolta ad aspetti riguardanti la formazione pratica in essere in quel momento per quel gruppo di medici in formazione.

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione9

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Per la fase formativa in pediatria si prevede che 6 CF – di 16 totali – siano acquisiti in pronto soccorso pediatrico; per l’acquisizione dei restanti 10 CF si fa anche riferimento ai pediatri di libera scelta

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione10

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Per la fase formativa nelle strutture distrettuali (24 CF totali) si dichiara che 12 CF (la metà!) debbono essere acquisiti presso la Continuità Assistenziale

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione11

Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Per la fase formativa di ginecologia (8 CF totali) si dichiara che la metà debbono essere acquisiti presso le strutture territoriali

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

1. La cura dei pazienti acuti

  • Obiettivi:

    • saper valutare l'ordine di priorità dei problemi e saper compiere una diagnosi differenziale;

    • saper fare della sicurezza del paziente una priorità;

    • saper valutare i parametri vitali e le condizioni mentali del paziente;

    • saper utilizzare correttamente i farmaci nelle situazioni di emergenza - urgenza;

    • saper decidere quando inviare il paziente in ospedale;

    • saper praticare il BLS;

    • conoscere l'organizzazione dell'emergenza - urgenza sul territorio

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione1

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

Notare come questo obiettivo richiama molti aspetti dell’attività in continuità assistenziale

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione2

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

2. La cura dei pazienti con patologie croniche

  • Obiettivi:

    • saper gestire il paziente con comorbidità, individuando le priorità di intervento e monitorando la compliance del paziente;

    • saper gestire le terapie plurifarmacologiche con particolare riguardo alle interazioni tra farmaci ivi compresi i farmaci utilizzati nelle medicine non convenzionali riconosciute dalla FNOMceO;

    • conoscere e saper applicare i valori di sensibilità, specificità e costo/beneficio delle indagini diagnostiche;

      QUELLI SOPRA MI SEMBRANO IMPORTANTI REQUISITI DI SETTING PROFESSIONALE: OCCORRE SVILUPPARE UNO SPECIFICO «MODUS OPERANDI»

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione3

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

2. La cura dei pazienti con patologie croniche

  • Obiettivi:

    • ………….

    • saper leggere ed interpretare un elettrocardiogramma

    • saper leggere ed interpretare una spirometria;

    • saper interpretare la diagnostica per immagini di primo livello;

    • conoscere le indicazioni ed i limiti delle indagini di secondo livello, sapendone interpretare i referti

      Questi rappresentano abilità «elementari»

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione4

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

3. La cura del paziente anziano fragile

  • Obiettivi:

    • Conoscere e saper gestire i problemi specifici dell'età avanzata con particolare riguardo ai seguenti quadri morbosi: demenze, danni da immobilizzazione, ictus, arteriopatia periferica, rischio TEV incontinenza,

    • Conoscere e saper gestire correttamente i farmaci nel paziente anziano

    • Saper pianificare adeguate strategie di riabilitazione, controllandone l'andamento

    • Saper valutare lo stato nutrizionale

    • Saper valutare la funzione psichica e cognitiva

    • Saper gestire la relazione col care-giver

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione5

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

4. La cura dei pazienti terminali

  • Obiettivi:

    • Conoscere i principi e le finalità delle cure palliative e la loro applicazione anche ai pazienti non oncologici

    • Saper comunicare col paziente, i familiari, il care-giver, gli specialisti di riferimento

    • Saper coordinare i diversi soggetti sanitari e sociali afferenti all'assistenza del terminale

    • Saper trattare il sintomo dolore (farmaci, vie di somministrazione ecc.)

    • Conoscere le implicazioni etiche (accanimento terapeutico, prevenzione della richiesta eutanasica ecc.)

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione6

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

5. Alcolismo e dipendenze

  • Obiettivi

    • Riconoscere e gestire in modo coordinato e continuativo con i servizi del Servizio sanitario nazionale e con i gruppi di mutuo aiuto i bevitori a rischio, i casi di abuso alcolico, la dipendenza e la sindrome di astinenza

    • Conoscere i meccanismi e gli stati dell'addiction

    • Riconoscere e gestire i casi di sospetta dipendenza da sostanze d'abuso e di dipendenza senza sostanze (gambling ecc.)

    • Prevenire e gestire le complicanze infettive

    • Saper praticare un appropriato intervento di disassuefazione dal fumo

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Gli obiettivi formativi specifici secondo il documento dell osservatorio nazionale sulla formazione7

Gli obiettivi formativi specifici secondo Il documento dell’osservatorio nazionale sulla formazione

NOTATE LA PORTATA DI QUESTI OBIETTIVI

  • La cura del paziente anziano fragile

  • La cura dei pazienti terminali

  • Alcolismo e dipendenze

    MENTRE QUESTE ATTIVITA’ SONO DEPUTATE A SERVIZI SPECIFICI, SI RIAFFERMA LA NECESSITA’ DI UNO SPECIFICO INTERVENTO DEL MMG

Dottor Pierluigi Di Benedetto


Ci siete ancora

Ci siete ancora?

Grazie per aver seguito fino ad ora !

Dottor Pierluigi Di Benedetto


  • Login