“
Download
1 / 30

“ …consulto involvit veritatem antiquas ut sapiens intellegeret, erraret rudis… ” - PowerPoint PPT Presentation


  • 96 Views
  • Uploaded on

“ …consulto involvit veritatem antiquas ut sapiens intellegeret, erraret rudis… ” “ …l ’ antichità avvolse nel velo delle favole la verità affinché il saggio intendesse, l ’ incolto si ingannasse.. ”.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' “ …consulto involvit veritatem antiquas ut sapiens intellegeret, erraret rudis… ”' - alaura


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

…consulto involvit veritatem antiquas ut sapiens intellegeret, erraret rudis…”

“…l’antichità avvolse nel velo delle favole la verità affinché il saggio intendesse, l’incolto si ingannasse..”


Una delle più semplici ed efficaci descrizioni del funzionamento di un'impresa è quella che considera i legami tra i costi sostenuti, i volumi produttivi realizzati e i risultati economici conseguiti.

COSTI SOSTENUTI

RISULTATI CONSEGUITI

VOLUMI PRODUTTIVI


L funzionamento di un'impresa è quella che considera i legami tra i costi sostenuti, i volumi produttivi realizzati e i risultati economici conseguiti.’analisi Costi-Volumi-Risultati consente una stima del volume di vendite necessario per raggiungere il punto di pareggio fra ricavi e costi di produzione.

In corrispondenza di tale volume, quindi, l’impresa presenta un utile zero.

Essa è utile in modo particolare per i finanziatori, visto che questi sono più interessati alla sopravvivenza dell’impresa e alla sua capacità di far fronte al rimborso del prestito, invece gli investitori sono più interessati al rendimento dell’investimento compiuto.


• è propedeutica al budgeting; funzionamento di un'impresa è quella che considera i legami tra i costi sostenuti, i volumi produttivi realizzati e i risultati economici conseguiti.

• ricerca il volume di pareggio;

• ricerca il volume corrispondente ad un certo risultato economico.

VERA FUNZIONE DELL’ANALISI:

simulare l’impatto sul profitto delle sue variabili


EQUAZIONE ECONOMICA funzionamento di un'impresa è quella che considera i legami tra i costi sostenuti, i volumi produttivi realizzati e i risultati economici conseguiti.

BREAK EVEN POINT (BEP)

FATTURATO DI EQUILIBRIO

DIAGRAMMA DI REDDITIVITA’


Per effettuare questa analisi è importante effettuare a priori una suddivisione dei costi che distingue:

quelli connessi all’attività tipica dell’impresa, quelli legati al fabbisogno finanziario e quelli legati alla gestione straordinaria.

FABBISOGNO

FINANZIARIO

ATTIVITA’ TIPICA

DELL’IMPRESA

GESTIONE

STRAORDINARIA

COSTI FISSI

COSTI VARIABILI


Calcolo del Break Even Point (BEP) con il metodo dell priori una suddivisione dei costi che distingue:’equazione economica

Il punto di pareggio può essere espresso in termini di volumi, ossia come numero di unità da produrre e vendere in termini di valore.

Q = quantità prodotta e venduta

P = prezzo unitario di vendita

Cv = costo variabile unitario

CF = costi fissi totali

Rn = risultato netto (reddito)

RICAVI TOTALI = COSTI TOTALI

(P * Q) = (Cv * Q) + CF (P * Q) – (Cv * Q) = CF

Q = CF / (P – Cv)

P – Cv = Margine di contribuzione unitario


Calcolo del punto di pareggio in termini di fatturato (fatturato di equilibrio)

Il punto di pareggio in fatturato consente di determinare il livello di vendite che consente di coprire tutti i costi di gestione ed è più indicato per tutte quelle aziende nelle quali non è possibile esprimere le vendite in “numeri di pezzi venduti”, in quanto l’impresa produce e commercializza un numero elevato di prodotti difficilmente riconducibili ad un prodotto medio rappresentativo.

Poniamo: ß = Cv / p (incidenza del costo variabile unitario sul prezzo)

I costi variabili totali possono essere determinati nel modo seguente:

CVTot. = ß x RT sapendo che: CT = RT

CVTot. + CF = RT

ß x RT + CF = RT

RT = CF/(1-ß) dove (1-ß) costituisce l’incidenza del margine di contribuzione sul prezzo.

Infatti: 1- Cv/p = (p-Cv)/p


Rappresentazione grafica del punto di pareggio (BEP) - diagramma di redditività

COSTO VARIABILE

costi totali

costi variabili

volume produzione

Il costo variabile totale (Cv) è uguale al costo variabile per unità di prodotto (Cvu) per la quantità prodotta e venduta.

CV = Cvu * Q


Rappresentazione grafica del punto di pareggio (BEP) - diagramma di redditività

COSTO FISSO

costi totali

costi fissi

volume produzione


Rappresentazione grafica del punto di pareggio (BEP) - diagramma di redditività

COSTO TOTALE

ricavi

costi totali

UTILE

costi totali

PERDITE

volume DI PAREGGIO

volume produzione


IPOTESI GENERALI diagramma di redditività

1. Il prezzo è costante;

2. Q venduta = Q prodotta (scorte pari a zero)

3. Analisi svolta nel breve periodo

4. Capacità produttiva data

5. Costanza delle decisioni manageriali

IPOTESI SUL COMPORTAMENTO DEI COSTI

1. I costi hanno come unica determinante (cost driver) il volume di produzione;

2. Il costo variabile unitario è direttamente proporzionale alla quantità prodotta.

IPOTESI SEMPLIFICATRICI ALLA BASE DELL’ANALISI COSTI – VOLUMI - RISULTATI


La vera funzione dell diagramma di redditività’analisi del breakeven point non è tanto cercare il volume di pareggio bensì:

valutare in ANTICIPO l’impatto sul PROFITTO di queste VARIABILI (o come manovrarle in vista di un certo profitto)

Volume

Prezzo di vendita

Prezzo di acquisto

Capacità e programmi

Efficienza interna


ESEMPIO diagramma di redditività

Calcoliamo di seguito il punto di pareggio, sia in termini di volumi che di fatturato, sulla base dei dati seguenti:

prezzo = 5,2

cv = 2,1

CF = 46.481,1


1° metodo : equazione economica diagramma di redditività

2,1 * Q + 46.481,1 = 5,2 * Q

Q = CF / (P – Cv)

Q* = 46.481,1 / 5,2 – 2,1 = 15.000

RT = p * Q = 15.000 * 5,2 = 77.468,5 (fatturato di equilibrio)


2° metodo : bep fatturato diagramma di redditività

ß = Cv / p = 2,1 /5,2 = 0,40

CVT = 0,40 * RT

Pertanto: 0,40 * RT + 46.481,1 = RT

RT = 46.481,1/(1 – 0,40) = 77.468,5

Q* = RT / p = 77.468,5/ 5,2 = 15.000


3° metodo: rappresentazione grafica diagramma di redditività

RETTA DEI RICAVI

RT = 5,2 * Q

SE Q = 0, RT = 0

SE Q = 10.000, RT = 52.000

RETTA DEI COSTI

CT = 2,1 * Q + 46.481,1

SE Q = 0, CT = 46.481,1

SE Q = 10.000, CT= 2,1*10.000+46.481,1 = 67.481

RT,

Ctot.

77.468,5

67.481

52.000

46.481,1

10.000

15.000 (Q*)

Quantità


I LIMITI DEL MODELLO DI ANALISI diagramma di redditività

  • Le ipotesi che stanno alla base dell’analisi di break-even sono alquanto riduttive e ne riducono il grado di realismo.

  • Di seguito segnaliamo alcune delle limitazioni maggiori dell’analisi in questione:

  • la distinzione tra costi fissi e variabili non è sempre agevole. Nella realtà, molte voci di costo presentano comportamenti diversi a seconda che il volume di produzione cresca o si riduca (si pensi al costo del lavoro);

  • è raro inoltre riscontrare una relazione perfettamente lineare tra livello dei costi e volumi produttivi; a questa rappresentazione statica delle curve di costo, la realtà oppone un comportamento più dinamico; infatti, oltre che per effetto delle economie di volume (che il modello in esame riesce a rappresentare grazie alla distinzione tra costi fissi e variabili), il comportamento dei costi muta anche in relazione a cambiamenti di scala produttiva (economie di scala) e all’effetto apprendimento;

  • un discorso simile può essere fatto con riferimento al livello dei prezzi, che nell’analisi considerata è considerato unico e statico, mentre nella realtà cambia molto velocemente e viene spesso modificato in relazione alla tipologia di clienti servita;

  • l’analisi costi-volumi-risultati non è in grado di incorporare alcuna ipotesi sulla politica delle scorte dell’impresa: la produzione allestita si considera integralmente venduta nell’esercizio considerato; il valore della produzione è quindi rappresentato dal solo fatturato (ricavi di vendita),

  • l’analisi appare scarsamente significativa con riferimento ad imprese multiprodotto: la necessità di identificare un unico livello di prezzi e di costi unitari non si concilia con la complessità di un’impresa diversificata; sulla possibilità di applicare l’analisi alle imprese commerciali si veda il seguito.


RISCHIO OPERATIVO diagramma di redditività

possibilità che il risultato di gestione sia compromesso da una struttura economica squilibrata

LEVA OPERATIVA

quantifica la sensibilità del risultato operativo al variare della quantità venduta

Rischio e leva operativa


GRADO DI LEVA OPERATIVA diagramma di redditività

MdC = Margine di Contribuzione totale, dato da (p-Cvu)*Q

Q = Quantità prodotta e venduta

CF = Costi fissi


Nel caso in cui i costi fissi sono nulli o comunque trascurabili, il GRADO DI LEVA OPERATIVA assume valore pari ad 1

per aumentare gli utili, ad esempio, del 10% è sufficiente aumentare le quantità prodotte e vendute del 10%.

Ciò significa che


Se il costo fisso non è trascurabile trascurabili, il GRADO DI LEVA OPERATIVA assume valore pari ad 1

lo sforzo che si deve fare in termini di aumento della quantità prodotta e venduta per aumentare gli utili del 10% è molto maggiore.

significa che


ESEMPIO trascurabili, il GRADO DI LEVA OPERATIVA assume valore pari ad 1

Costi fissi = 0

Prezzo unitario (P) = 77.4 euro

Costo variabile unitario (Cvu) = 51,6 euro

Margine di contribuzione unitario (MdCu) = p – Cvu = (77,4 – 51,6) = 25,8

Quantità prodotta e venduta = 10.000 unità

MdCT

= MdCu * Q = 25,8 * 10.000 = 258.000

UTILE

= Mdc – CF = 258.000 – 0 = 258.000

per aumentare l’utile di 25.800 (10%) è necessario aumentare la quantità prodotta e venduta (Q) del 10% (ossia 10% in più di 10.000, pari a 1.000 unità aggiuntive).

NE DERIVA CHE


ESEMPIO trascurabili, il GRADO DI LEVA OPERATIVA assume valore pari ad 1

Costi fissi = 129.114 euro

Prezzo unitario (P) = 77.4 euro

Costo variabile unitario (Cvu) = 51,6 euro

Margine di contribuzione unitario (MdCu) = p – Cvu = (77,4 – 51,6) = 25,8

Quantità prodotta e venduta = 10.000 unità

MdCT

= MdCu * Q = 25,8 * 10.000 = 258.000

UTILE

= 129.114


ESEMPIO trascurabili, il GRADO DI LEVA OPERATIVA assume valore pari ad 1

per raggiungere l’obiettivo di utile dell’esempio precedente (25.800 + 258.000 = 283.800) non devo aumentare la quantità prodotta e venduta del 10% bensì del 60%. Infatti, per ottenere un utile di 283.800 euro devo produrre e vendere 16.004 unità contro le 10.000 iniziali (+60%).

NE DERIVA CHE

RT - CF – Cvtot = 283.800

(77,4 * Q) - 129.114 - (51,6 * Q) = 283.800

Q ( 77,4 - 51,6) = 283.800 + 129.114

Q = 16.004 unità


COME POSSONO LE IMPRESE AUMENTARE IL RISULTATO ECONOMICO A PARITA' DI CAPACITA' PRODUTTIVA?

Spostando verso SINISTRA il punto di pareggio.

In altri termini, è necessario aumentare il MARGINE DI SICUREZZA.

MARGINE DI SICUREZZA

si intende la differenza tra la quantità massima realizzabile dall'impresa (massimo sfruttamento della capacità produttiva) e la quantità di equilibrio


COME POSSO SPOSTARE VERSO SINISTRA IL PUNTO DI PAREGGIO? PARITA' DI CAPACITA' PRODUTTIVA?

  • Posso agire a livello di:

  • prezzi

  • costi variabili unitari

  • costi fissi


AUMENTO DEI PREZZI PARITA' DI CAPACITA' PRODUTTIVA?

Aumentando i prezzi, il punto di pareggio si sposta verso sinistra ed aumenta anche il margine di sicurezza (aumenta l'inclinazione della retta dei ricavi totali).

Prima di agire in questo senso, tuttavia, l'impresa deve verificare attentamente le conseguenze dal lato della domanda. Ovviamente, le conseguenze di un aumento di prezzo sulle quantità vendute saranno tanto maggiori tanto più alta è l'elasticità della domanda al prezzo.

La svalutazione dell'euro può significare un aumento dei prezzi per le imprese esportatrici; tale aumento tuttavia non dipende dall'impresa e non può durare all'infinito. Inoltre, ciò potrebbe comportare anche un aumento del costo delle materie prime. In questo caso, l'effetto a livello dei profitti potrebbe essere trascurabile se non nullo.

Un aumento dei prezzi deve essere considerata una azione critica, da attuarsi soltanto se abbinata ad altri interventi rivolti a fare percepire al cliente un miglioramento dell'offerta, sotto uno o più aspetti.

Esempi in questo senso sono rappresentati da:

- innalzamento della qualità del prodotto;

- aumento del contenuto di servizio offerto (rapidità di intervento, garanzie, ecc.);

- ecc.


  • AZIONE SUI COSTI VARIABILI UNITARI PARITA' DI CAPACITA' PRODUTTIVA?

  • Una riduzione del costo variabile unitario comporta, a parità di condizioni, uno spostamento verso sinistra del punto di pareggio e anche un aumento del margine di sicurezza (diminuisce la pendenza della retta dei costi variabili totali).

  • L'obiettivo è dunque rappresentato da un aumento del Margine di Contribuzione unitario senza aumentare i prezzi.

  • MdCu = Prezzo - Cvu

  • Azioni che si possono attuare per ottenere una riduzione del Cvu:

  • Semplificare i prodotti e unificare i componenti: l'obiettivo è quello di unificare tutto ciò che non si vede e che non contribuisce ad aumentare la differenza percepita dal consumatore fra i vari prodotti (es. motore FIRE, Batterie, ecc.). Attraverso l'attuazione di questo intervento l'impresa aumenta le quantità utilizzate del singolo componente. In questo modo è possibile ottenere dei vantaggi economici nell'acquisto (sconti di quantità), oltre che ridurre il numero di voci gestite nel processo produttivo.

  • Revisione critica dei materiali: l'impresa deve verificare se può raggiungere gli stessi standard di qualità ed affidabilità con materiali diversi da quelli fino ad ora utilizzati meno costosi. In altri termini, l'impresa deve sempre cercare di migliorare il valore del prodotto, dato dal rapporto tra prestazioni e costo.

  • Diminuzione degli scarti: l'impresa deve sempre tenere presente che il costo della non qualità è superiore al costo della qualità.

  • Recuperare gli "sfridi" di lavorazione: gli sfridi sono gli scarti di produzione ossia il materiale che di solito le imprese buttano via perché privo di utilità. Le imprese che hanno saputo individuare modalità di utilizzo di tali sfridi sono state ricompensate da ritorni economici non trascurabili. Esempio, imprese tessili pratesi, che hanno saputo utilizzare gli stracci prodotti insieme alla produzione vera e propria; altro esempio, alcune imprese di mobili impiegano lo sfrido (in questo caso, il truciolo di legno) per alimentare la centrale energetica.


AZIONE SUI COSTI FISSI PARITA' DI CAPACITA' PRODUTTIVA?

Una riduzione del volume di costi fissi comporta uno spostamento verso sinistra del punto di pareggio.

L'impresa deve dunque verificare se esiste l'effettiva possibilità di contrarre il volume dei costi fissi. Questi ultimi, essendo generati dalla struttura, sono nella realtà, in genere, difficilmente comprimibili. Semmai è pensabile ad un migliore sfruttamento della struttura stessa, al fine di aumentare i ritorni economici.


ad