LA MENOPAUSA
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 25

LA MENOPAUSA PowerPoint PPT Presentation


  • 325 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

LA MENOPAUSA. La MENOPAUSA è un cambiamento fisiologico dell’organismo della donna, una tappa fondamentale, e non una MALATTIA !. TERMINOLOGIA. Menopausa : cessazione del ciclo mestruale dal greco Men = mese / Pansis = cessazione

Download Presentation

LA MENOPAUSA

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La menopausa

LA MENOPAUSA


La menopausa

La MENOPAUSA è un cambiamento fisiologico dell’organismo della donna, una tappa fondamentale, e non una MALATTIA !


Terminologia

TERMINOLOGIA

  • Menopausa: cessazione del ciclo mestruale

    dal greco Men = mese / Pansis = cessazione

  • Menopausa naturale: manifestazione spontanea in donne con età tra i 45 e 55 anni

  • Menopausa precoce: tra i 30 e 40 anni, da carenza nutrizionale, disturbi immunitari o stress cronico

  • Menopausa artificiale: da radiazioni, chemioterapia o farmacologica (es. terapie che simulano una menopausa per rimpicciolire i fibromi uterini)


Terminologia1

TERMINOLOGIA

  • Climaterio: dal greco Klimakter = scalino, punto critico della vita, consiste l’insieme delle fasi che precedono la menopausa (pre-menopausa) e che la seguono (post-menopausa)

  • Perimenopausa: periodo che immediatamente precede o segue il momento della menopausa


Modificazioni ormonali

MODIFICAZIONI ORMONALI

Progressivo invecchiamento e diminuzione dei follicoli ovarici che determina:

  • Diminuzione di inibina

  • Aumento di FSH

  • Diminuzione dei livelli plasmatici di estrogeni (iperestrogenismo relativo e cicli anovulatori)

  • Aumento della produzione di androgeni (soprattutto testosterone)

  • Produzione di estrogeni, in particolare ESTRONE, a livello extra-ghiandolare (surrene, tessuto adiposo, fegato, rene)


Manifestazioni precoci

MANIFESTAZIONI PRECOCI

  • Cicli anovulatori

  • Irregolarità mestruali (polimenorrea, oligomenorrea, ipomenorrea, ipermenorrea, menometrorragie)

  • Obesità (disposizione dell’adipe da ginoide ad androide)

  • Irsutismo

  • Infertilità


Diagnosi

DIAGNOSI

  • Amenorrea di sei-dodici mesi

  • Test di gravidanza negativo

  • Aumento di FSH, LH

  • Diminuzione di estradiolo


Quadri clinici

QUADRI CLINICI

Disturbi del SNC

  • Vampate di calore

  • Depressione

  • Irritabilità

  • Disturbi del sonno

  • Ridotta memoria


Quadri clinici1

QUADRI CLINICI

Manifestazioni cutanee

  • Secchezza e desquamazione

  • Prurito

  • Diminuita elasticità

  • Comparsa e accentuazione delle rughe del viso


Qudri clinici

QUDRI CLINICI

Disturbi dell’apparato genitale

  • Secchezza vaginale

  • Vaginiti atrofiche

  • Vaginiti batteriche e/o micotiche

  • Prurito vulvare

  • Dispareunia

  • Prolasso


Quadri clinici2

QUADRI CLINICI

Disturbi dell’apparato urinario

  • Cistiti ricorrenti

  • Incontinenza urinaria

  • Disuria

  • Pollachiuria

  • Tenesmo


Quadri clinici3

QUADRI CLINICI

Disturbi metabolici

  • Tachicardia

  • Ipertensione

  • Alterazioni lipidiche

  • Aumento di peso corporeo


Manifestazioni cardiovascolari

MANIFESTAZIONI CARDIOVASCOLARI

  • Aumento del rischio di malattia cardiovascolare (coronarosclerosi, infarto miocardico)

  • Aumenta il rischio di mortalità per tali patologie e tende ad eguagliarsi a quello del sesso maschile


Effetti cardioprotettivi degli estrogeni

EFFETTI CARDIOPROTETTIVI DEGLI ESTROGENI

  • Aumento dell’HDL-colesterolo

  • Diminuzione dell’LDL-colesterolo

  • Effetto anti-aterosclerotico sulle arterie

  • Preservazione della funzione endoteliale

  • Azione inotropa diretta sul cuore

  • Diminuzione del fibrinogeno plasmatico

  • Diminuzione della glicemia a digiuno

  • Diminuzione dell’insulinemia


Osteoporosi

OSTEOPOROSI

  • Sindrome sistemica caratterizzata da un deterioramento delll’architettura con progressiva riduzione dellla massa dell’osso che diventa più fragile con conseguente aumento del rischio di frattura.

  • Rappresenta la più frequente e la più grave manifestazione della menopausa.


Effetti protettivi degli estrogeni sull osso

EFFETTI PROTETTIVI DEGLI ESTROGENI SULL’ OSSO

  • Aumentano la sintesi di calcitonina che antagonizza gli effetti dell’ormone paratiroideo.

  • Facilitano l’assorbimento intestinale del calcio.

  • Promuovono il riassorbimeto tubulare del calcio a livello renale.


Terapia ormonale sostitutiva tos

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (TOS)

  • ESTROGENICO CONTINUO estrogeno per 28gg

  • ESTROGENICO CICLICO estrogeno per 21gg

  • SEQUENZIALE CICLICO estrogeno per 21gg + progestinico per 14gg

  • COMBINATO CICLICO estrogeno per 21gg + progestinico per21gg

  • COMBINATO CONTINUO estrogeno per 28gg + progestinico per 28gg


Terapia ormonale sostitutiva tos1

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (TOS)

Vie di somministrazione:

  • Orale

  • Trans-dermica (cerotto)

  • Sottocutanea (impianto)

  • Intravaginale


Indicazioni primarie tos

INDICAZIONI PRIMARIE (TOS)

  • Trattamento della sintomatologia da carenza di estrogeni

  • Menopausa precoce

  • Trattamento delle pazienti in menopausa recente con osteoporosi o con aumentato rischio di frattura


Controindicazioni assolute tos

CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE TOS

  • Tumori maligni estrogeno dipendenti (k endometrio, k mammella, k endometroide dell’ovaio).

  • Episodi tromboembolici

  • Tromboflebiti

  • Malattie o disfunzioni epatiche gravi


Controindicazioni relative tos

CONTROINDICAZIONI RELATIVE (TOS)

  • Anamnesi di tromboembolie venose

  • Trombofilia

  • Fibromatosi uterina

  • Ipertrigliceridemia

  • Diminuita tolleranza al glucosio

  • Sanguinamenti


Dosaggio durata e modalita di interruzione del trattamento

DOSAGGIO, DURATA E MODALITA’ DI INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO

  • Impiegare la dose minima efficace

  • Personalizzare il trattamento in base al profilo anamnestico e clinico della paziente

  • Sulla durata del trattamento non esiste consenso unanime: valutare il rapporto rischio beneficio

  • La sospensione deve essere graduale


Terapie non estrogeniche

TERAPIE NON ESTROGENICHE

  • Progestinici (effetti controversi su k mammella!)

  • Tamoxifene (antagonizza l’effetto degli estrogeni a livello della mammella/attenzione agli effetti sull’endometrio!)

  • Tibolone

  • Calcitonina

  • Bifosfonati


Grazie per l atttenzione

GRAZIE PER L’ ATTTENZIONE !!!


  • Login