COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 9

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PowerPoint PPT Presentation


  • 172 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale e formativa dello Stato italiano. Il 1° gennaio 1948, entrò in vigore la costituzione repubblicana.

Download Presentation

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Costituzione della repubblica italiana

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale e formativa dello Stato italiano.

Il 1° gennaio 1948, entrò in vigore la costituzione repubblicana.

Lo Statuto Albertino, era rimasto in vigore esattamente 100 anni e aveva reso l’Italia una monarchia costituzionale, con concessioni di poteri al popolo su base rappresentativa. Era una tipica costituzione “ottriata”, ossia concessa dal sovrano e da un punto di vista giuridico, si caratterizzava per la sua natura “flessibile”.

Al contrario l’attuale ordinamento è il risultato dei lavori di un’Assemblea Costituente, formatasi dopo la caduta del fascismo e la fine della guerra, ed è rigida ed immodificabile se non con leggi speciali.


Uguaglianza

UGUAGLIANZA

L’ideale che offre ad ogni essere umano, indipendentemente dalla sua posizione sociale e dalla sua nazionalità, la possibilità di essere considerato al pari di tutti gli altri.

Art.3 dei principi fondamentali della nostra costituzione:

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”


Liberta

LIBERTA’

Condizioni per cui un individuo può decidere di pensare, esprimersi ed agire senza costrizioni.

E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitano di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini ( v.art.3 principi fondamentali).


Giustizia

Giustizia

La nostra Costituzione si fonda su un concetto di giustizia inteso come eliminazione delle disparità di vita tra i cittadini, impegnando quindi lo Stato ad assumere un ruolo attivo nella regolazione dei rapporti tra cittadini


Democrazia

DEMOCRAZIA

Concezione politica fondata sui principi della sovranità popolare, dell'uguaglianza giuridica dei cittadini, dell'attribuzione di diritti e doveri sanciti dalla costituzione, della separazione e indipendenza dei poteri.


La resistenza

La Resistenza

“Era giunta l’ora di resistere; era giunta l’ora di essere uomini: di morire per vivere da uomini” (CALAMANDREI)

Con il termine resistenza s’intende l’azione comune di gruppi di cittadini appartenenti a diversa estrazione sociale e politica con l’obbiettivo di abbattere un regime che non garantisce il rispetto delle più comuni libertà individuali.


Cronologia resistenza italiana

CRONOLOGIA RESISTENZA ITALIANA

  • 1943: la caduta del fascismo, l’armistizio, i focolai di rivolta nel Sud, le prime bande partigiane, l’inverno sulle montagne.

  • 1944: gli scontri con i tedeschi e i fascisti della RSI, le prime repubbliche partigiane, la liberazione di molte città del Centro Italia, gli eccidi nazisti.

  • 1945: la liberazione del Nord, la resa dei tedeschi, la cattura e l’uccisione di Mussolini.


Una testimonianza

Una testimonianza

“ In quel lontano periodo ogni giovane doveva fare una scelta: o con i fascisti o con i partigiani, scelta assai difficile per un giovane di 17 anni. Giuseppe scelse la montagna alle lotte delle formazioni partigiane, credo consigliato da suo padre che già faceva parte del CLN (comitato di liberazione nazionale) […..].

Ogni partigiano doveva darsi un nome di battaglia e scelse il nome di “Saetta”.

[…] Saetta faceva parte della mia squadra: era un ragazzo taciturno, persino timido, molto serio, sempre disponibile ai lavori manuali:fare il servizio per la spesa e gli approvvigionamenti, andare in pattuglia o montare di guardia, mansione quest’ultima che richiedeva massima attenzione. Saetta era molto affidabile e per questo era benvoluto da tutti”.

LelioPeirano(king) Comandante di Distaccamento


Costituzione della repubblica italiana

SECONDO NOI

  • è stato utile riflettere su questi avvenimenti del passato, perché in quel periodo della storia d’Italia è stata fondata la nostra Repubblica;

  • la resistenza è stata una fase terribile ma necessaria, perché si doveva garantire alle successive generazioni la libertà e la democrazia;

  • Sta a noi oggi rispettare le leggi ma anche trasmettere questi ideali ai nostri figli.

    La classe 4°A dell’IPA “Duca degli Abruzzi” Senorbì


  • Login