CRITERI PER INDIVIDUARE IL LIVELLO ATTITUDINALE DEL SUOLO PER LA COLTIVAZIONE DELLE POMACEE
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 36

CRITERI PER INDIVIDUARE IL LIVELLO ATTITUDINALE DEL SUOLO PER LA COLTIVAZIONE DELLE POMACEE PowerPoint PPT Presentation


  • 139 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

CRITERI PER INDIVIDUARE IL LIVELLO ATTITUDINALE DEL SUOLO PER LA COLTIVAZIONE DELLE POMACEE. Gestione del meleto. LE MELE NEL MONDO…. Nord e centro America. Sud America. 5%. 2%. Europa. 29%. Asia. 62%. Africa. 2%. DETIENE IL 4% DELLA PRODUZIONE MONDIALE.

Download Presentation

CRITERI PER INDIVIDUARE IL LIVELLO ATTITUDINALE DEL SUOLO PER LA COLTIVAZIONE DELLE POMACEE

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


CRITERI PER INDIVIDUARE IL LIVELLO ATTITUDINALE DEL SUOLO PER LA COLTIVAZIONE DELLE POMACEE


Gestione del meleto


LE MELE NEL MONDO….

Nord e centro America

Sud America

5%

2%

Europa

29%

Asia

62%

Africa

2%


DETIENE IL 4% DELLA PRODUZIONE MONDIALE

2° PAESE DELL’UNIONE EUROPEA PER

QUANTO RIGUARDA LA PRODUZIONE

(2.2 milioni di ton.)

Distribuzione

Trend ’93 – ‘00

U.E.

31%

Golden Delicious

- 5 %

Jonagold

+ 34 %

12%

- 28 %

Red Delicious

9 %

+ 362 %

8 %

Gala

Fuji

1 %

+ 199 %

ITALIA


TECNICHE DI PRODUZIONE

MINOR IMPATTO AMBIENTALE E MAGGIORE EFFICIENZA PRODUTTIVA

DIFESA FITOSANITARIA

FERTIRRIGAZIONE

NUTRIZIONE MINERALE

MIGLIORE STANDARD QUALITATIVO DEI FRUTTI

GALA

RINNOVAMENTO VARIETALE

FUJI

BRAEBURN


Negli ultimi anni c’è stata una forte evoluzione delle tecniche di piantagione e delle forme di allevamento

Le piante devono essere allevate secondo forme di allevamento atte a massimizzare la funzionalità del frutteto e non del singolo albero, rispettandone il naturale “habitus”

Facile gestione del frutteto

Impianti ad elevata densità

Precoce entrata in produzione


FORME DI ALLEVAMENTO E DISTANZE DI IMPIANTO CONSIGLIATI DAI D.P.I. (2003)


Portinnesti consigliati dai D.P.I (2003)


Spindelbusch

Piramide


FERTIRRIGAZIONE

Distribuzione dei nutrienti disciolti nell’acqua d’irrigazione

N = 80 kg/ha

P = 25 kg/ha

K = 100 kg/ha

Mg =10 kg/ha


CONCIMAZIONE TRADIZIONALE

Inizio aprile

Perfosfato triplo + Nitrato ammonico

Fine maggio

Nitrato di potassio + Nitrato di magnesio e Urea

Fine giugno

Solfato di potassio

Inizio settembre

Nitrato ammonico

I concimi sono stati distribuiti lungo il filare nei diversi periodi dell’anno secondo le esigenze degli alberi.


Concentrazione dello ione NO3- nella soluzione del suolo nel corso del 1999

250

Concimazione tradizionale

Fertirrigazione100%

Fertirrigazione 50% (N, P, K, Mg)

200

***

a

NO3-

150

**

*

a

a

ppm NO3-

100

**

a

**

***

b

a

**

b

a

a

a

50

a

a

b

b

ab

b

b

b

b

b

b

0

16-set

26-ago

28-mag

01-apr

14-apr

29-apr

06-ott

18-giu

08-lug

30-lug


-

/kg terreno

3

mg N-NO

Confronto tra l’N apportato mediante fertirrigazione

(mg N/albero/giorno) e la disponibilità di N-NO3- nel terreno (1999)

350

14

300

12

250

10

200

8

150

6

mg N/albero/giorno

100

4

50

2

0

0

1-ott

1-set

1-lug

1-giu

1-mag

1-apr

1-ago


IMPIANTO DI UN MELETO


CARENZA SU FOGLIE VECCHIE DI GOLDEN


CARENZA DI POTASSIO


LIEVE CARENZA DI AZOTO VICINO AI FRUTTI


CARENZA DI AZOTO E PRECOCE SENESCENZA DELLE FOGLIE VICINO AI FRUTTI


CARENZA DI MAGNESIO


Gestione del pereto


IMPORTANZA DELLE PERE

  • La produzione mondiale di pere è in aumento (15.9 milioni di t)

  • L’Italia è al secondo posto dopo la Cina

  • L’Italia è il principale produttore europeo

  • L’Emilia-Romagna è il principale produttore italiano (60%) seguita dal Veneto (15%)


L’orientamento varietale del pero conta solo su poche varietà, cinque costituiscono l’80% della produzione:

  • William

  • Conference

  • Abate Fetel

  • Decana del Comizio

  • Kaiser


FORME DI ALLEVAMENTO E DISTANZE DI IMPIANTO CONSIGLIATI DAI D.P.I. (2003)


Portinnesti consigliati dai D.P.I (2003)


Le forme di allevamento più adottate per il pero sono la palmetta, il fusetto e altre forme adatte a impianti ad alta densità

Spindler

Y modificato


PERETO AD ALTA DENSITA’


SISTEMI A Y


PERO – PIANO FERTIRRIGUO

F: integrazione fogliare (N, B); in parentesi il numero di somministrazioni.


COMBINAZIONE CONFERENCE/BA29. PRODUZIONE, PESO MEDIO E NUMERO DEI FRUTTI NEL BIENNIO 1998-99.


ANDAMENTO DEL CONTENUTO DI CLOROFILLA (UNITA’ SPAD) IN FOGLIE DI PERI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTI AL SUOLO.

Sangue secco

Compost+FeSO4

Controllo

Prato di graminacee+FeSO4

Fe+amminoacidi e polipeptidi

Fe_EDDHA


CLOROSI SU PERO


Messa a dimora di astoni di pero

Particolare del drenaggio trasversale praticato prima della messa a dimora degli astoni.

Astone fornito di cartellino della certificazione genetico-sanitaria


Cv Conference. Effetto del trattamento con biostimolanti (Promalin e 66F). Da notare l’emissione anticipata dei germogli laterali.


ELEMENTI MINERALI ASPORTATI DAI FRUTTI (50T)

100

90

80

70

60

50

40

30

20

10

0

MELO

PERO

Kg di elemento asportato

P2O5

K2O

N

CaO

MgO

Da Tagliavini et al. 1998


  • Login