Figure della cura come forma della relazione l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 23

Figure della cura come “forma” della relazione PowerPoint PPT Presentation


  • 188 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Figure della cura come “forma” della relazione. La cura esistenziale. La Cura come “struttura dell’esistenza”…. Secondo Martin Heidegger, la Cura è ciò che regge la nostra esistenza, ne è la struttura… Cominciamo a raccontarlo attraverso una favola …. La favola di Igino.

Download Presentation

Figure della cura come “forma” della relazione

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Figure della cura come forma della relazione l.jpg

Figure della cura come “forma” della relazione

La cura esistenziale


La cura come struttura dell esistenza l.jpg

La Cura come “struttura dell’esistenza”…

Secondo Martin Heidegger, la Cura è ciò che regge la nostra esistenza, ne è la struttura…

Cominciamo a raccontarlo attraverso una favola …


La favola di igino l.jpg

La favola di Igino

La “Cura”, mentre stava attraversando un fiume, scorse del fango cretoso; pensierosa ne raccolse un po’ e cominciò a dargli forma. Mentre è intenta a stabilire che cosa abbia fatto, interviene Giove. La “Cura” lo prega di infondere spirito a ciò che essa aveva fatto. Giove acconsente volentieri. Ma quando la “cura” pretese di imporre il suo nome a ciò che aveva fatto, Giove glielo impedì e volle che fosse imposto il proprio. Mentre Giove e la “Cura” disputavano sul nome, intervenne anche la Terra, reclamando che a ciò che era stato fatto fosse imposto il proprio nome, perché aveva dato ad esso una parte del proprio corpo” …

(M. Heidegger, 1976, Essere e Tempo, trad. it.Longanesi,Torino, p. 247)


La favola di igino4 l.jpg

La favola di Igino

… “I disputanti elessero Saturno a giudice. Il quale comunicò ai contendenti la seguente giusta decisione: “Tu, Giove, che hai dato lo spirito, al momento della morte riceverai lo spirito; tu, Terra, che hai dato il corpo, al momento della morte riceverai il corpo. Ma poiché fu la Cura che per prima diede forma a questo essere, fin che esso viva lo possieda la Cura. Per quanto concerne la controversia sul nome, si chiami homo poiché è fatto di humus (Terra)”.

(M. Heidegger, 1976, Essere e Tempo, trad. it.Longanesi,Torino,

p. 247)


Cura come struttura dell esistenza l.jpg

Cura come “struttura dell’esistenza”

”La cura sembra essere il rapporto tra effettività e possibilità: dove il fatto di essere mondo, di essere quell’uomo lì e non altro, rappresenta per l’uomo la condizione della sua stessa progettualità esistenziale: della stessa possibilità di formarsi, di divenire ciò che può, concretamente, ma solo ciò che lui può”

(Palmieri C., 2000, La cura educativa, Franco Angeli, Milano, p. 23)


Cura come struttura dell esistenza6 l.jpg

Cura come “struttura dell’esistenza”

Cura

Possibilità

Effettività

Il più proprio

poter essere


Nella situazione di disabilit l.jpg

Nella situazione di disabilità…

Appartenere al genere umano significa costitutivamente avere delle potenzialità, “poter essere” se stessi, a partire da sé…

Questo, nell’ambito dell’educazione delle persone disabili, è fondamentale: ci ricorda che sempre e comunque, qualunque sia il livello di compromissione della persona – certificato da una diagnosi – quella persona ha delle potenzialità, soprattutto la possibilità di essere ciò che lei può essere, nella sua unicità, a partire proprio dalla presenza del suo deficit.


Nella situazione di disabilit8 l.jpg

Nella situazione di disabilità…

Quali potenzialità

Le potenzialità (possibili) non sono generiche, ma sono quelle possibilità che appartengono al soggetto a partire dalla sua condizione fisica, psicologica, familiare, sociale…

Non vederle è questione di educazione alla coltivazione delle potenzialità stesse, ovvero di modalità di cura…


Nella situazione di disabilit9 l.jpg

Nella situazione di disabilità…

Potenzialità, relazione ed esperienza

La manifestazione delle più proprie possibilità di una persona disabile avviene all’interno dei processi di relazione, dei contesti esperienziali: le potenzialità non si possono determinare in astratto, ma sperimentare e comprendere giorno per giorno…


Nella situazione di disabilit10 l.jpg

Nella situazione di disabilità…

La rappresentazione e l’esperienza

Perché le potenzialità di un soggetto disabile si esprimano e si riconoscano occorre:

  • Lavorare sull’immaginario e sulle rappresentazioni delle persone che lo circondano (familiari, educatori, professionisti, amici, ecc..): le percezioni e le aspettative degli altri condizionano le possibilità di espressione della persona disabile, nonché il riconoscimento della loro presenza


Nella situazione di disabilit11 l.jpg

Nella situazione di disabilità…

La rappresentazione e l’esperienza

Perché le potenzialità di un soggetto disabile si esprimano e si riconoscano occorre:

2. Creare occasioni di esperienza, di sperimentazione di sé: una persona disabile, come chiunque altro, può conoscere se stessa, apprendere quali siano e di che tipo siano i propri limiti ma anche quali siano le proprie capacità e risorse, solo all’interno di contesti in cui possa realmente e adeguatamente fare esperienza di sé.

Questo significa proteggere ma non troppo, consentire l’errore e lavorare sulla possibilità di sbagliare, accogliere le emozioni connesse alla sperimentazione di sé


Come si esprime la cura l.jpg

Come si esprime la Cura?

In atteggiamenti e azioni in cui si concretizza

Il prendersi cura

delle cose del mondo

L’aver cura degli altri

Come

soggetti

Utilizzazione

Come oggetti


Aver cura degli altri l.jpg

Aver cura degli altri

Come oggetti

Come soggetti

Cura inautentica

Cura autentica

Relazione funzionale


L aver cura autentico anticipare liberando l.jpg

L’aver cura autentico: “anticipare liberando”

”La cura autentica aiuta gli altri a divenire consapevoli e liberiper la propria cura”

(Heidegger M., 1976, Essere e Tempo, trad. it. Longanesi, Milano, p. 157)


Nella situazione di disabilit15 l.jpg

Nella situazione di disabilità…

La cura autentica implica la possibilità di trattare – e quindi pensare – la persona disabile come un soggetto che, comunque, “può” essere ciò che può: un soggetto che, a partire dalla propria condizione, può, a modo suo, pensare a sé, sentire e comunicare i propri bisogni, desiderare, scegliere, anche se solo nelle piccole cose di ogni giorno.

Implica riconoscerlo come interlocutore attivo nella relazione e nell’esperienza quotidiana.


L aver cura inautentico sostituire dominando l.jpg

L’aver cura inautentico:“sostituire dominando”

”L’aver cura può in un certo modo sollevare gli altri dalla cura, sostituendosi loro nel prendersi cura, intromettendosi al loro posto…

Gli altri risultano allora espulsi dal loro posto, retrocessi, per ricevere, a cose fatte e da altri, già pronto e disponibile, ciò di cui essi si prendevano cura, risultandone del tutto sgravati… Gli altri possono essere trasformati in dipendenti e in dominati, anche se il predominio è tacito e dissimulato”

(Heidegger M., 1976, Essere e Tempo, trad. it. Longanesi, Milano, p. 157)


Nella situazione di disabilit17 l.jpg

Nella situazione di disabilità…

La cura inautentica è un rischio sempre presente: è facile sostituirsi ad una persona se la percezione che si ha di essa è “deficitaria”…

Quando succede, ci si sostituisce in quello che qualifica i soggetti come tali: la facoltà di sentire e comunicare bisogni, di esprimere desideri, di fare delle scelte…

Così facendo, si restringe la possibilità che la persona ha di fare esperienza, di sé e del mondo.


L ambiguit della cura l.jpg

L’ambiguità della Cura

Le nostre azioni, i nostri “modi di essere nel mondo e con gli altri” sono sempre potenzialmente ambivalenti:

Proteggere è necessario ma se le azioni di protezione sono giocate inadeguatamente non favoriscono l’autonomia personale…

Aiutare è indispensabile, così come essere aiutati, ma si corre sempre il rischio di essere invasivi, o di sostituirsi all’altro nell’assunzione delle proprie responsabilità, inibendone la capacità di scelta…


La cura sociale attenti vi curo l.jpg

La cura “sociale”: “Attenti: vi curo!”

A livello culturale e sociale, in Europa, la Cura nasce come preoccupazione sociale e istanza morale, stagliandosi nell’ambito della “cura inautentica”


La cura come normalizzazione l.jpg

La Cura come Normalizzazione

“Pare che la cura nasca sulla scorta di una preoccupazione sociale inerente il mantenimento dell’ordine pubblico, la garanzia di funzionamento di un certo sistema economico, il sostentamento e la regolamentazione della popolazione, la possibilità di conoscenza, di distribuzione e di produzione di individui utili, di corpi docili, di soggetti funzionali”

(Palmieri C., 2000, La cura educativa, Franco Angeli, Milano, p. 61)


La logica dell esclusione l.jpg

La logica dell’esclusione

La cura nasce come istanza di separazione:

“È stato un gesto, una scelta originaria, dice Foucault. Un gesto che sembra sorgere all’interno di una problematizzazione del rapporto dell’uomo con quello che rappresenta ciò che egli fa fatica a capire, a controllare, a sopportare”

(Palmieri C., 2000, La cura educativa, FrancoAngeli, Milano, pp- 61-62)


La logica dell esclusione22 l.jpg

La logica dell’esclusione

“Questa scelta originaria del pensiero occidentale nasce nell’ambito dell’esperienza della follia, della malattia, della morte: di ciò che effettivamente l’uomo moderno ha allontanato da sé, ha colonizzato con il linguaggio della razionalità e quindi esorcizzato, nel tentativo, forse, di mettere a tacere quell’inquietudine che tali esperienze sembrano tuttora non smettere di suscitare”

(Palmieri C., 2000, La cura educativa, FrancoAngeli, Milano, pp 61- 62)


Il crinale della cura l.jpg

Il “crinale” della Cura

Cura Autentica:

Emancipazione

Autoriflessione

Sicurezza interiore

“Anticipare liberando”

Cura inautentica:

Normalizzazione

“Terapia”

“Sostituirsi dominando”

Il dispositivo:

Spazi

Tempi

Sistemi Simbolici

Relazioni

La materialità


  • Login