Slide1 l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 59

Controllo di Qualità in Immunoistochimica PowerPoint PPT Presentation


  • 344 Views
  • Updated On :
  • Presentation posted in: General

Controllo di Qualità in Immunoistochimica. Marco Chilosi Dipartimento di Patologia Università di Verona. L’ Orrore in Anatomia Patologica. Colpa grave Perdita di chances Negligenza Imprudenza Imperizia Eventi avversi Riconoscibilità del pericolo Raccolta delle prove Nesso di causalità

Download Presentation

Controllo di Qualità in Immunoistochimica

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Slide1 l.jpg

Controllo di Qualità in Immunoistochimica

Marco Chilosi

Dipartimento di Patologia

Università di Verona


L orrore in anatomia patologica l.jpg

L’ Orrore in Anatomia Patologica

  • Colpa grave

  • Perdita di chances

  • Negligenza

  • Imprudenza

  • Imperizia

  • Eventi avversi

  • Riconoscibilità del pericolo

  • Raccolta delle prove

  • Nesso di causalità

  • CTU

  • Carenza strutturale

  • Assicurazioni

  • Obbligo di Risultato

  • Variabilità diagnostica

  • Etc…etc…


Slide3 l.jpg

Sick man persecuted by doctors

Malato perseguitato dagli speziali

Arazzo francese del XVIII secolo


Slide4 l.jpg

Magistrati – Avvocati –

Medici Legali

Assicuratori

Pazienti

Periti - Direttori Generali


Come evitare gli eventi avversi in anatomia patologica soluzioni l.jpg

Come evitare gli eventi avversi in Anatomia Patologica?Soluzioni

Incremento del controllo sul sistema:

  • Comunicazione – integrazione

  • Informazioni – chiarezza - evidenza

  • Standardizzazione e aggiornamento

  • Elevati livelli di Diligenza

  • Competenza

  • Adeguatezza delle risorse e delle strutture


Come evitare gli eventi avversi in anatomia patologica soluzioni6 l.jpg

Come evitare gli eventi avversi in Anatomia Patologica?Soluzioni

  • Incremento del controllo sul sistema:

  • Comunicazione – integrazione

  • Informazioni – chiarezza - evidenza

  • Standardizzazione e aggiornamento

  • Elevati livelli di Diligenza

  • Competenza

  • Adeguatezza delle risorse e delle strutture

    QUALITA’ (reale e percepita)


Definizione della mission l.jpg

Definizione della Mission

  • Fornire la corretta risposta alle domande del Clinico (cliente intermedio) che opera come tramite del Paziente


Slide8 l.jpg

IHC

Le analisi immunoistochimiche sono strumenti ormai irrinunciabili in diversi campi della diagnostica istopatologia.

Il significato di questo tipo di indagini ha generalmentedue tipologie:


Slide9 l.jpg

  • Completamento diagnostico, identificazione anomalie di espressione di particolari geni correlabili con particolari caratteristiche di valenza prognostica o predittiva

    • (ad es. l’indice di proliferazione con Ki67, la valutazione semiquantitativa dell’espressione di Recettori ormonali e di HER2 nel carcinoma della mammella)


Slide10 l.jpg

  • validazione di ipotesi diagnostiche basata sull’identificazione di specifici “profili immunofenotipici”

    • (ad esempio l’identificazione di un profilo CD20+, CD5+, CD23-, con iper-espressione di ciclina-D1 consente di confermare l’ipotesi diagnostica di un linfoma B a cellule del mantello).


Slide11 l.jpg

T.L. #00-0175, m:Lymphocytosis

IHC profile


Slide12 l.jpg

T.L. #00-0175, m

Lymphocytosis

DIAGNOSI:Mantle Cell Lymphoma

  • CORRETTA

  • PRECISA

  • COMPLETA

  • AGGIORNATA

  • RIPRODUCIBILE

  • RAPIDA

  • ECONOMIC. COMPATIBILE


Slide13 l.jpg

Le moderne classificazioni dei tumori si basano sulla integrazione della caratterizzazione morfologica, immunofenotipica e genetica delle cellule neoplastiche

2002

Modern Pathology


Slide14 l.jpg

Accuratezza

Quesito clinico:

Ulcera gastrica: carcinoma? Linfoma? altro?

Diagnosi differenziale morfologica:

Neoplasia scarsamente differenziata, suggestivo di carcinoma


Ihc profile l.jpg

IHC profile

CK8/18

CK8/18

CD20

Ki67

Diagnosi finale: B-LC-NHL


Slide16 l.jpg

aSMA-

DESMIN+

VIMENTIN+

CK8-

CD99-

MYOGENIN+

R.F. f, 1967 #88-1428BOM

Diagnosi: leucemia linfoblastica

Revisione:

Metastatic RABDOMYOSARCOMA

Myogenin

Desmin


Validazione l.jpg

Validazione

  • In contesti di diagnosi differenziale particolarmente critici la “validazione” di una ipotesi diagnostica può essere considerata come Second-Opinion “interna”

  • Incremento della precisione diagnostica

  • Diminuzione degli errori

  • Dimostrazione di prudenza e diligenza

  • Diminuzione di comportamenti difensivi


Sclc ihc profile l.jpg

SCLC IHC profile

CK-/+- dot

CD56 +++

TTF1 -/++

CDX2 -/+

PAX5 +

P53 ++

Ki67>80%+

Ki67

p53

TTF1


08 0066 bio neoformazione mucosa bronchiale l.jpg

08-0066Bio neoformazione mucosa bronchiale

Ki67

CD56

CK7


Slide20 l.jpg

CD3

Diagnosi: DLBCL

CD20

P53


Slide21 l.jpg

MORFOLOGIA MOLECOLARE

Aspetti Legali

In caso di “errore” diagnostico

  • Non esecuzione di marcatori MM

  • Errata interpretazione dei dati di MM

  • Non idoneità dei reagenti utilizzati


Qualit l.jpg

Qualità

  • Evoluzione della “domanda”

  • Appropriatezza della risposta


Slide23 l.jpg

2008


08 3737 l.jpg

#08-3737 -

CK5

TTF1

p63

CK7

Caratterizzazione IHC di NSCLC


Problemi l.jpg

problemi

Non è una bacchetta magica

  • E’ un’arma potente

    • Può indurre in errore se mal utilizzata

  • Consumo di risorse

    • Non sempre efficace controllo dell’efficacia e dell’appropriatezza


Slide27 l.jpg

CD30+

CK8+

Metastasi CR

ALCL


Slide28 l.jpg

EMA


Slide29 l.jpg

MPX

Bcl-6

BOB-1

OCT-2

TCL1

Bcl-10

bcl-2

CD7

IgG4

CD1a

CD2

CD3

CD4

CD5

CD8

CD10

CD20

CD21

Bcl-2

CD22

CD23

CD25

CD30

CD31

CD31

CD34

CD38

CD56

CD57

EG1/2

CD61

CD79a

CD117

CD138

MUM1

DOG1

GATA3

HHV8

CYCL-D1

CYCL-D2

CDK6

B-CAT

ZAP70

S100

VILLIN

D2-40

CLAUD4

CK5

CK7

CK8/18

CK14

CK20

EMA

CDX2

SPA-1

CC10

p16

p27

p53

p63

DN-p63

p80

p21

CALR

IgD

VIMENT

FASCIN

TENASC

a-SMA

CD34

FVIII

DESM

CALD

Napsin

Ki67

SKP2

OP18

EGFR

HER-2

ER

PR

LAMBDA

IgG

LMP1

EBER

CMV

HHV8

JC

GLICOF

KAPPA

IgM

DBA44

CD123

TRAP


Problemi30 l.jpg

problemi

  • Non è una bacchetta magica

  • E’ un’arma potente

    • Può indurre in errore se mal utilizzata

soluzioni

  • Competenza specifica – ESPERIENZA

  • Approfondimento - Cultura

  • Standardizzazione - Controllo di qualità


Slide31 l.jpg

Two separate promoters give rise to the transactivating and DN classes of products

Forme troncate

Forme transattivanti

Nat Rev Mol Cell Biol. 2000 Dec;1(3):199-207.


Problemi33 l.jpg

problemi

  • Non uniforme accettazione ed utilizzo tra i Patologi

    • Appassionati, tiepidi e detrattori

  • Non uniforme disponibilità territoriale di reagenti ed attrezzature

    • Eterogenea e non chiara inclusione nel nomenclatore tariffario


Problemi36 l.jpg

problemi

  • Non uniforme accettazione ed utilizzo

  • Non uniforme disponibilità

    • Non chiara inclusione nel nomenclatore tariffario

soluzioni

SIAPEC


Slide37 l.jpg

Sistema Qualità – Appropriatezza – Efficacia -

Prelievo

Fissazione

Inclusione

Taglio

ICH no

Vetrino E&E

Diagnosi Differenziale

ICH SI


Slide38 l.jpg

Competenze

Responsabilità

Sintesi Morfologia - Immunofenotipo Diagnosi Definitiva

ICH si

Programmazione marcatori ICH

Ag Retrieval

Immunostaining

Step 1°

Step 2°

Step 3°

Preparati ICH

Valutazione dei Risultati

Ambito

pofessionale

Ambito

tecnico


Slide39 l.jpg

Attività di CdQ

identificazione di “indicatori”, correlati a tutti e tre i livelli, idonei per valutare e monitorare differenti parametri:

correttezza dei processi pre-analitici ed analitici,

idoneità dei protocolli tecnici

Idoneità dei protocolli interpretativi

Valutazione di Appropriatezza ed Efficacia

idoneità dei marcatori disponibili (rispetto alle problematiche diagnostiche di maggior frequenza),

aggiornamento dei marcatori disponibili,


Slide40 l.jpg

PRODOTTO: Analisi Immunoistochimica

  • Possiamo individuare tre diversi tipi (o livelli) di “prodotto”

    Ognuno da sottoporre a dettagliata analisi per individuare le caratteristiche qualitative, le modalità di CdQ e gli indicatori


Slide41 l.jpg

PRODOTTO: Analisi Immunocitochimica

Referto con sintesi diagnostica dei risultati

nel contesto di una diagnosi differenziale

  • Descrizione della immunoreattività di un marcatore

  • in una popolazione cellulare in un campione di tessuto

    • - valutazione quantitativa

    • - valutazione qualitativa

Vetrino con colorazione

“immunostaining”


Slide42 l.jpg

J Clin Pathol 2000 Feb;53(2):125-30

Reliability of immunohistochemical demonstration of oestrogen receptors in routine practice: interlaboratory variance in the sensitivity of detection and evaluation of scoring systems.

Rhodes A, Jasani B, Barnes DM, Bobrow LG, Miller KD.

UK national external quality assessment scheme for immunocytochemistry (NEQAS-ICC).

CdQ

2° livello

CdQ

1° livello

J Clin Pathol 1989 Oct;42(10):1096-100

Comparative quality assessment in immunocytochemistry: pilot study of CD15 staining in paraffin wax embedded tissue in Hodgkin's disease.

Angel CA, Warford A, Day SJ, Lauder I.

J Histochem Cytochem 2002 Nov;50(11):1425-34

A novel quality control slide for quantitative immunohistochemistry testing.

Sompuram SR, Kodela V, Zhang K, et al.

CytoLogix Corporation, Cambridge, Massachusetts.


Slide43 l.jpg

Qualità di immunostaining

Caratteristiche qualitative

  • Intensità “specifica”

  • Segnale/fondo

  • Artefatti

  • Specificità

Area negativa artefattuale


Slide44 l.jpg

Histopathology 1989 Dec;15(6):627-33

External quality assurance and assessment in immunocytochemistry.

Reynolds GJ.

A quality assurance scheme for immunocytochemistry was started in 1984. There are currently 140 participating laboratories, most of which have shown considerable improvement in their results since joining the scheme. In our experience the supplier of the primary antibody does not affect the quality of the results; the sensitivity of the method used and the experience of the staff carrying out the technique are the most important factors. Participation in a scheme such as this enables laboratories to have their results compared with others and to share problems.


Slide45 l.jpg

- Standardisation

- Quality control programs


Slide46 l.jpg

PRODOTTO: Analisi Immunocitochimica

  • Vetrino con colorazione “immunostaining”

  • Valutazione e Descrizione della immunoreattività di un singolo marcatore immunofenotipico (o diversi marcatori) in una popolazione cellulare in un campione di tessuto


Slide47 l.jpg

UK national external quality assessment scheme for immunocytochemistry (NEQAS-ICC).


Slide48 l.jpg

  • Estrogen Receptor Status by Immunohistochemistry Is Superior to the Ligand-Binding Assay for Predicting Response to Adjuvant Endocrine Therapy in Breast Cancer.Jennet M. Harvey, Gary M. Clark, C. Kent Osborne, D. Craig Allred.

J Clin Oncol 17: 1474-1481,1999


Slide50 l.jpg

Score 3+

>30% intense membrane staining


Il 3 livello cdq l.jpg

il 3°livelloCdQ


Indicatori di processo attivit l.jpg

Indicatori di ProcessoAttività

  • Monitoraggio dei test IHC (N° e %) sui casi istologici

  • Monitoraggio dell’esecuzione ICH % in specifiche patologie (ematopatologia, patologia mammaria, etc.)

  • Confronto con i dati “storici” dei test eseguiti nel proprio ed in altri centri


Slide54 l.jpg

3° livello

The major problem of applying immunohistochemistry in surgical pathology appears to be its integration into the diagnostic process and not the staining quality.

Am J Surg Pathol 2002 Jul;26(7):873-82


Slide55 l.jpg

  • Problemi nel CdQ di 3° livello

  • Laboriosità e costi elevati

  • Insufficienza del materiale bioptico

  • Limitatezza dei casi utilizzabili rispetto alla complessità casistica

  • Limitatezza dei marcatori applicabili

  • Scarsa possibilità di effettuare elaborazioni statistiche

  • Scarso gradimento per i Patologi


Slide56 l.jpg

Progetto Pilota - CdQ Interface

  • Arrigoni G, Milano

  • Chilosi M, Verona

  • D’Antonio A, Napoli

  • Doglioni C, Milano

  • Nappi O, Napoli

  • Zamboni G. Verona

  • Totale: 50 casi selezionati come idonei

  • Inserimento di 1-5 immagini EE

  • Inserimento di 1-10 immagini IHC

La scelta dei “campi” e gli ingrandimenti è stata basata sulle modalità tipiche dello “slide-seminar” (path-tracking)

  • Scelta di casi idonei

  • Preparazione delle schede

  • Prove sul campo

  • Verifica dell’idoneità e del gradimento

  • Valutazione statistica


Ecm journals archives of knowledges evolving information and references quality control l.jpg

ECM – Journals, Archives of Knowledges, evolving information and referencesQuality control

Virtual Microscopy

Atlante

Digitale


Sistema cdq ideale l.jpg

Sistema CdQ “ideale”

  • Efficace

  • Non costoso, semplice applicazione

  • High throughput(numerosi casi e marcatori da testare in tempo breve, ampia partecipazione)

  • Possibilità di elaborazioni statistiche su grandi numeri e su casistiche riproponibili a differenti gruppi

  • Gradimento (Matching):


  • Login